L’olio d’oliva extravergine alla conquista dei mercati mondiali

Nel 2020 crescita vertiginosa e si stima che tra 5 anni il mercato mondiale varrà qualcosa come 2 miliardi di dollari. L’Italia dovrebbe recitare un ruolo importante nelle dinamiche commerciali L’olio extravergine di oliva conosce una fase inarrestabile di sviluppo e crescita sui mercati. Ambasciatore della Dieta Mediterranea, antiossidante riconosciuto (nella giusta quantità), orgoglio dei […]

Leggi di più…

Gennaio, torna l’inflazione

Livello dei prezzi in lieve salita grazie ad una maggiore domanda di beni agroalimentari ed anche all’aumento delle quotazioni sul petrolio La novità del mese di gennaio è che torna a crescere l’inflazione. Contribuiscono in questo i prezzi dei prodotti alimentari che aumentano dello 0,6% con punte del 3% per la frutta, dovuto anche a […]

Leggi di più…

Lotta alla fame nel mondo, passo avanti dell’Ifad

L’agenzia per lo sviluppo agricolo mondiale riceve il più significativo finanziamento della sua storia Il Fondo internazionale delle Nazioni Unite per lo sviluppo agricolo (IFAD) potrà investire 3,8 miliardi di dollari nelle zone rurali del mondo. Ciò sarà possibile grazie ad un obiettivo di finanziamento senza precedenti fissato dai governi dei 177 Paesi membri in […]

Leggi di più…

Olio d’oliva, Spagna maggior produttore mondiale

Italia terza, scavalcata dalla Grecia. Ma conserviamo la leadership mondiale per il vino Sapevamo che la Spagna era irraggiungibile. Ma adesso l’Italia perde il secondo gradino del podio nella produzione mondiale di olio extravergine d’oliva. Dietro agli iberici, capaci di produrre 1,6 milioni di tonnellate, troviamo oggi la Grecia che, secondo i dati forniti dalla Commissione Europea, dovrebbe […]

Leggi di più…

Gli italiani in cerca di prodotti tradizionali

Nonostante la consapevolezza del momento difficile, ancora tanti vogliono cibo ottenuto in maniera tradizionale, senza l’ausilio di tecnologie. Gli italiani hanno la percezione di cosa significa qualità nel cibo e nell’agroalimentare in generale. Per il 45% dei nostri connazionali, infatti, il cibo che viene da aziende “tradizionali” viene percepito – a prescindere dall’effettivo consumo – come di […]

Leggi di più…