Lo certifica Google, il che ci dice anche molte altre cose, nel suo ultimo report ‘Un Anno di Ricerche”

Non solo Natale. L’anno sta finendo (e ci ricorda sempre lo splendido pezzo di Dalla) e cominciano a fioccare le statistiche del 2023 sui temi più disparati. Un aiuto viene, immancabile, dal motore di ricerca più utilizzato al mondo, il californiano Google. Possiamo dire in prima battuta che ormai il web è la fonte d’ispirazione primaria per tutti e su tutti i temi, come se la trasmissione di conoscenze, almeno in cucina, non possa più essere tramandata di generazione in generazione. Stiamo perdendo qualcosa oppure no? Interrogativi difficili che al momento non hanno risposta.

Tornando alle ricette ecco la top ten del 2023; lenticchie, bigoli e scammaro, gustosa frittata di pasta realizzata senza uova che fa parte della tradizione culinaria partenopea.  Lo rivela Google nel suo report ‘Un Anno di Ricerche‘, che individua attraverso le parole più cercate dagli italiani sul web nel 2023. Nella lista, ai confini del podio troviamo gli gnocchi di zucca senza patate. Apprezzata anche la Valdostana, piatto di origine austriaca divenuto simbolo della Valle d’Aosta, che consiste in carne farcita con prosciutto e formaggio, e le Tette delle monache, caratteristico dolce abruzzese prodotto in provincia di Chieti. Chiude la classifica il Pesto genovese.

La tendenza che emerge è che gli italiani di affidarsi al web non solo per cercare le ricette dei piatti più complessi, quelli che richiedono maggiore attenzione e consigli, ma anche per i piatti apparentemente più semplici, come le lenticchie.