L’agricoltura di domani e l’efficienza idrica

Inaugurato al Parco Tecnologico Padano di Lodi il cantiere per la costruzione della stazione dimostrativa “Agriculture of Tomorrow: Sustainable Smallholder Production Systems ”, luogo in cui, durante Expo, sarà possibile conoscere “in campo” alcune delle soluzioni disponibili per rispondere alla sfida della sicurezza alimentare.

Il progetto è il risultato di una collaborazione tra settore privato – ha collaborato soprattutto Netafim –, mondo della ricerca e istituzioni del territorio lodigiano. Il cuore del progetto è l’efficienza idrica: l’obiettivo, infatti, è presentare tecnologie irrigue innovative e sostenibili per piccoli appezzamenti agricoli e promuovere un uso razionale ed efficiente delle risorse per differenti colture anche in condizioni critiche.

“Quella del risparmio idrico è una delle principali sfide che si prospettano per l’agricoltura di domani – sottolinea Luca Olcese, di Netafim Italia. Grazie ai sistemi di irrigazione a goccia e di fertirrigazione abbiamo stimato che è possibile risparmiare circa il 40% dell’acqua utilizzata normalmente in agricoltura oltre che ottimizzare la resa delle colture”. Il campo ospiterà parcelle di mais, riso, soia, sorgo, orticole e frutta, riproducendo contesti di terreni marginali, realtà caratterizzate da scarsità d’acqua, assenza di energia elettrica e scarsa disponibilità di mezzi agricoli.