La campagna assicurativa di quest’anno parte con tante novità introdotte con il Piano assicurativo agricolo nazionale e con il decreto «Agricoltura 2.0».

La campagna assicurativa di quest’anno parte con tante novità introdotte con il Piano assicurativo agricolo nazionale e con il decreto «Agricoltura 2.0». Il settore vitivinicolo si presenta al via dopo che il 2014 ha fatto registrare − nelle sole coperture agevolate − dati record e in forte crescita rispetto al 2013: 32.000 imprese assicurate per un valore pari a 1,5 miliardi di euro.

A partire da quest’anno, i produttori agricoli possono scegliere quanto ritenuto necessario all’interno di 4 diversi pacchetti assicurativi agevolati con un contributo pari al 65% del costo assicurativo: dalla copertura base catastrofale (che protegge dai rischi alluvione, gelo e siccità, avversità ad alto impatto e intensità di danno ma a basso rischio in termini di frequenza), al pacchetto più ampio e completo che comprende tutte e 11 le avversità assicurabili, (catastrofali, quelle di frequenza – queste ultime a basso impatto e intensità, ma ad alta probabilità di ripetizione temporale) come grandine, eccesso di pioggia, vento forte ed eccesso di neve, nonché le avversità accessorie (sbalzo termico, colpo di sole e venti sciroccali).


Pubblicato il