Siccità, le conseguenze sul cibo; produzione di riso nazionale in crisi, soffrono le vongole

Nei campi del nord Italia, si prevede una produzione del 30 per cento in meno di riso. Nel delta del Po, l’aumento di temperatura e di salinità del mare mette a rischio gli allevamenti di vongole.

L’ondata di caldo eccezionale, unita alla mancanza di pioggia, sta compromettendo le produzioni agricole che più necessitano di acqua. Ammontano a tre miliardi di euro i danni all’agricoltura già causati dalla siccità: il nord Italia è la zona che più sta patendo la crisi idrica con Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto tra le regioni più colpite. Si prevede la riduzione di un terzo della produzione di riso, del 15 per cento di frutta, del 20 per cento di cozze e vongole. Proprio ieri è arrivata la notizia che restituisce un poco di ossigeno ad alcuni territori, con la proclamazione dello stato di emergenza per cinque regioni. Previsti 10,9 milioni per Emilia Romagna, 4,2 milioni per il Friuli Venezia Giulia, 9 milioni per la Lombardia, 7,6 milioni per il Piemonte e 4,8 milioni Veneto

La crisi delle risaie del nord

La siccità sta prosciugando le risaie di Piemonte e Lombardia che sono coltivate a Carnaroli, Arborio e Roma, varietà di cui l’Italia è unico produttore al mondo. Si stima per il 2022 un 30 per cento in meno nella produzione di riso italiana. Con 2 milioni di tonnellate l’anno prodotte su circa 227mila ettari, quest’ultima rappresenta oltre il 50 per cento dell’intera produzione europea; i consumi sono cresciuti del 16 per cento durante la pandemia, ben si comprende, dunque, l’entità della crisi in arrivo.

Vongole senza ossigeno nel delta del Po

Allarme anche sulle produzioni ittiche nelle lagune e sugli allevamenti di cozze e vongole che stanno letteralmente “soffocando” poiché l’aumento della salinità e della temperatura dell’acqua del mare favoriscono il proliferare delle alghe che, senza idoneo ricambio idrico, tolgono ossigeno alle vongole. Nel delta del Po, dove il cuneo salino (ovvero l’avanzamento del mare nel fiume) ha toccato il record di 30 chilometri si pensa ad una perdita del 20 per cento degli allevamenti di vongole.

Agricoltura e siccità, ci sono soluzioni realmente praticabili?

Mentre le Regioni dichiarano lo stato di emergenza e chiedono di dirottare l’acqua destinata alla produzione di energia idroelettrica a favore dell’uso umano e agricolo, il governo va in soccorso degli agricoltori con i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e lavora a un decreto per fronteggiare la situazione. Possibili soluzioni vanno ricercate nelle nuove tecniche di irrigazione, nella raccolta dell’acqua piovana, nelle pratiche di riutilizzo di acque reflue depurate, nella coltivazioni di varietà vegetali locali e stagionali che necessitano di meno input esterni tra cui l’acqua e che allo stesso tempo mantengono il suolo vivo e permeabile, nella riduzione degli sprechi e nel consumo degli alimenti che necessitano meno acqua per essere prodotti. 

E c’è una pronuncia anche dagli ambientalisti; per il Wwf occorre “ispirarci a quello che la natura ha sempre fatto: sfruttare il funzionamento degli ecosistemi per trattenere l’acqua, renderla disponibile e ricaricare le falde; proteggere il suolo, le foreste e le zone umide”. Anche per Greenpeace è necessario tutelare i terreni agricoli da ulteriori stress, affinché possano continuare a essere produttivi negli anni a venire, quindi rafforzare e non derogare a quelle misure ambientali che proteggono la salute e la fertilità dei suoli e delle aree agricole, ad esempio aumentando la loro capacità di trattenere umidità. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.