Nasce una nuova linea di cubetti tradizionali e “Foglia a Foglia” (Spinaci, Bieta Erbetta, Bieta Coste, Cicoria, Cime di Rapa e Verza) con caratteristiche peculiari che la migliorano sia dal punto di vista della sicurezza che dal punto di vista della qualità. Tradizione e innovazione si coniugano per produrre un prodotto naturale ed esteticamente accattivante, utile a preparare ogni tipo di pietanza. 

Grazie all’innovativo processo di lavorazione messo a punto dall’azienda le verdure giungono nel piatto come appena raccolte. Il sapore, il colore, la consistenza e i nutrienti sono gli stessi del prodotto fresco, con un vantaggio assoluto in termini di qualità, nutrizione e presentazione nell’impiattamento.

Per la produzione della nuova linea Fogliame, Agrifood-Covalpa ha deciso di investire su nuovi macchinari. L’innovazione che l’azienda ha messo in atto ha caratteristiche peculiari: un nuovo bunker di alimentazione da 18 metri, un doppio desabbiatore da 7 metri cadauno, una nuova selettrice ottica sul fresco (la più recente nel suo settore, prima in Italia) e altri due selettori ottici di ultima generazione in linea di confezionamento. Sono stati scelti i macchinari ad oggi migliori sul mercato per l’eliminazione di vetro, insetti, pietrisco, legno, plastiche colorate.

I campi situati a breve raggio dalla fabbrica sono dunque un ulteriore e importante punto di forza per l’azienda, che vanta una produzione 100% Made in Italy grazie alla coltivazione presso l’altopiano del Fucino. Una zona incontaminata nel cuore dell’Abruzzo, in cui le condizioni pedoclimatiche favorevoli permettono la coltivazione di ortaggi e verdure in situazioni ottimali, consentendo di lavorare gli spinaci per 9 mesi all’anno. Da Celano è infatti possibile iniziare le lavorazioni con i raccolti precoci dei Soci Agricoltori della Puglia, continuare le lavorazioni con i raccolti standard dei Soci Agricoltori del Lazio, delle Marche e della costa abruzzese e terminare la stagione con i raccolti tardivi del Fucino.


Andrea