Vino in Italia, va forte anche nell’e – commerce

Probabilmente la pandemia ha aiutato, ma nel 2020 c’è stato un aumento esponenziale delle vendite online di nettare

Probabilmente la situazione sanitaria generale ha dato un grande contributo, ma il 2020 in Italia sarà ricordato anche come l’anno in cui l’e-commerce è cresciuto nel complesso dell’8% rispetto al 2019, e da solo il settore food e grocery fa registrare un clamoroso + 70% rispetto all’anno precedente. 

E il vino? Non poteva mancare. In questo scenario si inserisce preponetemene il wine e-commerce, che ha raggiunto nel nostro Paese numeri mai visti prima, con un giro d’affari che – secondo Wine Monitor – si aggira tra i 150 e i 200 milioni di euro.  Emerge con l’ultimo Forum Wine Monitor, evento annuale dedicato agli abbonati e che nella sua ultima edizione si è focalizzato proprio sugli impatti della pandemia su questo settore, in particolare è stata presentata un’analisi specifica sul wine e-commerce, canale che è diventato sempre più strategico per le vendite di vino in Italia e nel mondo.

Ancora nel 2019, subito prima dell’emergenza sanitaria, l’Italia era “fanalino di coda” tra i principali mercati internazionali: l’e-commerce intercettava appena l’1% delle vendite retailing, contro il 4% degli Usa, il 10% di Uk e addirittura il 29% della Cina, dove l’e-commerce è da diversi anni un canale fondamentale per le vendite di tale prodotto. 

In Italia, l’accelerazione è avvenuta nel 2020, quando – a seguito del lockdown – oltre 8 milioni di consumatori hanno scelto di acquistare online le proprie bottiglie di vino. Si è trattato di ben il 27% dei consumatori totali di vino, dato ancor più significativo se confrontato al 17% dell’anno 2018. Secondo l’Osservatorio Nomisma Wine Monitor-Nielsen, il mercato e-commerce del vino in Italia ha raggiunto, nel primo semestre del 2020, i 75,5 milioni di euro, un valore raddoppiato rispetto al 2019.

Pubblicato in Vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *