Un tesoro a rischio, la tomba di Mandras

Nella Tomba sono presenti dei singolari motivi pittorici in ocra, nel rappresentare ancora la vita. Purtroppo la Tomba di Mandras è da tempo nel più totale abbandono. Sono presenti profonde fenditure, per cui la tomba è soggetta a costanti allagamenti.

Nella Tomba sono presenti dei singolari motivi pittorici in ocra, nel rappresentare ancora la vita. Purtroppo la Tomba di Mandras è da tempo nel più totale abbandono. Sono presenti profonde fenditure, per cui la tomba è soggetta a costanti allagamenti.

Per questo importante monumento si è interessata anche la rivista “ Archeologia Viva”, per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica focalizzando l’importanza del monumento e delle necessità di un intervento celere per salvare la Tomba. Lo scorso 25 maggio l’Associazione Paleoworking, il comune di Ardauli hanno voluto fortemente gridare la voglia di poter salvare la Tomba di Mandras.

Una sessantina di persone provenienti da tutta la Sardegna si sono date appuntamento al centro dell'abitato di Ardauli. Da lì sono partite per vedere le bellezze del territorio incontaminato; un percorso di circa 5 km, immerso nel verde, cisto, roverelle e le rose di maggio. L’Associazione Paleoworking ha guidato i visitatori, con la collaborazione del personale dell’Ente Foreste e la visita si è conclusa alla Roccia riparo, conosciuta da tutto il paese di Ardauli, come una madre e “il suo ventre”.

La giornata prevedeva un convegno con dei relatori illustri, archeologi di grande rilievo nazionale e internazionale, provenienti anche dalla Spagna. Il loro raccontare ha trattenuto per quasi 4 ore tantissimi curiosi e appassionati. I relatori hanno descritto come in un racconto l’importanza dell’archeologia nel mondo, in Sardegna, nel territorio di Ardauli. Ora si spera che la Tomba di Mandras abbia al più presto le cure del caso.