Un milione di firme per garantire al massimo otto ore di trasporto degli animali

Un milione di firme è stato raccolto in tutti gli Stati membri per chiedere all’Ue e in particolare al parlamento europeo di fissare inderogabilmente in otto ore il limite massimo di durata dei viaggi degli animali.

Un milione di firme è stato raccolto in tutti gli Stati membri per chiedere all’Ue e in particolare al parlamento europeo di fissare inderogabilmente in otto ore il limite massimo di durata dei viaggi degli animali.

Stop quindi, ai viaggi infiniti nell’Ue per gli animali destinati alla macellazione: il Parlamento Ue chiede che il limite massimo sia di 8 ore di trasporto.

Il Parlamento europeo ha approvato infatti una dichiarazione scritta sul trasporto di animali vivi presentata dal deputato europeo italiano Andrea Zanoni (Idv), dal danese Dan Jorgensen (S&D), dall’olandese Esther de Lange (Ppe), dal ceco Pavel Poc (S&D) e dallo svedese Carl Schlyter (Verdi). “Si tratta di una pietra miliare della protezione degli animali in Europa”, ha detto Zanoni.

“Da oggi possiamo rivolgerci a Commissione e Consiglio affinché questa decisione diventi un obbligo inderogabile in tutti i 27 Paesi membri”. “L’attuale legislazione europea – ha indicato Zanoni – purtroppo permette che centinaia di ovini, bovini, caprini e altri animali, vengano trasportati ammassati gli uni sugli altri, senza un centimetro di spazio, senza quasi nemmeno l’aria per respirare”.

L’iniziativa è partita con la campagna internazionale ’8hours’ lanciata dall’associazione animalista Animals’ Angels che ha raccolto 1 milione di firme in tutta Europa per chiedere all’Ue le 8 ore massime di trasporto per gli animali vivi.

“Il prossimo passo – ha segnalato Zanoni – sarà la consegna del milione di firme raccolto al Commissario Ue alla sanità John Dalli”