Un futuro per l’asparago europeo

 

 

Si è concluso a Granada, in Spagna, l’edizione 2012 del Simposio biennale sull’asparago, che con oltre 160 partecipanti, provenienti da 10 Paesi del mondo, ha dimostrato come ci sia un ampio interesse globale per questa coltura, considerata fino a poco tempo fa  di nicchia. La produzione è in crescita e le potenzialità in termini di consumi sono senz’altro positive.

Tra i molti i temi dibattuti nelle due giornate di lavoro ha prevalso la discussione sul futuro di questa coltivazione che, esce dalla considerazione di prodotto stagionale di nicchia per posizionarsi come prodotto da consumare durante tutto l’arco dell’anno.

Si tratta di una produzione, fra i due emisferi, che diventa complementare nel corso dell’anno  visto che, il Europa, grazie anche all’utilizzo delle tecniche di forzatura, si produce la quasi totalità di asparago verde nei primi 6 mesi dell’anno.

La tradizione della coltivazione degli asparagi in Europa è consolidata ed avvallata  dai numerosi riconoscimenti di Indicazione Geografica Protetta  ottenuti in Italia, Francia e Spagna .

La provenienza e la territorialità sono fattori determinanti per i consumatori europei di asparago che tendono a privilegiare la provenienza locale.

La produzione italiana di asparago, secondo i dati presentati al Simposium, copre  una superficie di 6.300 ettari concentrati in Veneto, Campania, Puglia ed Emilia Romagna. La superficie coltivata negli ultimi anni tende ad una lieve decrescita mentre la produzione, che si attesta sulle 44mila tonnellate, è stabile da cinque anni.

I punti chiave per lo sviluppo della produzione e del mercato di questa importante coltura sono stati fissati in occasione del Simposio e prevedono:

– la riduzione dei costi di produzione e la salvaguardia dell’ambiente considerando che la coltura potrebbe scomparire a causa della difficoltà di reperire manodopera.

– Il miglioramento genetico volto ad individuare cultivar più produttive ed idonee alla raccolta automatizzata

Nel corso del Simposio è emerso che l’asparago è senz’altro una coltivazione ancora in grado di soddisfare economicamente i produttori e le potenzialità sono enormi, basti considerare che il consumo domestico in Italia di asparago è pari a 2,5 Kg annui per famiglia, con un indice di penetrazione del 40% sulla popolazione italiana.

Un dato che lascia intravedere come, con opportune strategie commerciali e promozionali, si possa auspicare una crescita del settore.