Un fondo europeo unico per la pesca

La Commissione europea ha presentato uno schema di regolamento che istituisce un fondo unico per la pesca riunendo la maggior parte degli attuali strumenti finanziari riguardanti il settore. Il fondo è strutturato su quattro pilastri:

La Commissione europea ha presentato uno schema di regolamento che istituisce un fondo unico per la pesca riunendo la maggior parte degli attuali strumenti finanziari riguardanti il settore. Il fondo è strutturato su quattro pilastri:

Pesca intelligente verde per agevolare la transizione verso una pesca sostenibile, più selettiva, che non produce emissioni, più rispettosa degli ecosistemi marini e che contribuisce alla gestione sostenibile di questi, e che consente di concedere assistenza mirata su innovazione e valore aggiunto per rendere il settore della pesca economicamente vitale e resistente agli shock esterni e alla concorrenza dei paesi terzi.

Un 'acquacoltura intelligente, verde, per implementare un’acquacoltura economicamente sostenibile, verde e competitiva, in grado di affrontare la concorrenza globale e di fornire un sano e alto valore nutritivo per i consumatori dell'UE.

Uno sviluppo territoriale sostenibile e della solidarietà per arrestare il declino di molte comunità costiere e interne che dipendono dalla pesca, dando maggior valore alla pesca e alle attività connesse e favorire la diversificazione in altri settori dell'economia marittima.

Una politica marittima integrata per sostenere priorità trasversali che generano risparmi e la crescita, come la conoscenza dell'ambiente marino, la pianificazione di spazio marittimo, la gestione integrata delle zone costiere e di sorveglianza marittima integrata, la protezione dell'ambiente marino, in particolare la biodiversità e l'adattamento agli effetti negativi del cambiamento climatico sulle zone costiere.

Oltre ai quattro pilastri, si prevedono misure di accompagnamento, raccolta dati e pareri scientifici, il controllo, la governance, i mercati della pesca (comprese le regioni ultraperiferiche), versamenti volontari alle Organizzazioni dei pescatori e l’assistenza tecnica.