Turismo: l’Unione europea punta sul Sudamerica

BRUXELLES – Per incrementare i viaggi nella bassa stagione, la Commissione europea promuove un progetto innovativo di collaborazione tra il Sudamerica e l'Europa destinato a mobilitare 50mila turisti.

Nuove campagne promozionali incoraggeranno 25mila cittadini del Sudamerica a recarsi in Europa, in particolare tra l'ottobre 2012 e il marzo 2013, e 25mila cittadini europei a recarsi in Sudamerica, tra il maggio e l'ottobre 2013.

BRUXELLES – Per incrementare i viaggi nella bassa stagione, la Commissione europea promuove un progetto innovativo di collaborazione tra il Sudamerica e l'Europa destinato a mobilitare 50mila turisti.

Nuove campagne promozionali incoraggeranno 25mila cittadini del Sudamerica a recarsi in Europa, in particolare tra l'ottobre 2012 e il marzo 2013, e 25mila cittadini europei a recarsi in Sudamerica, tra il maggio e l'ottobre 2013.

Il progetto è stato avviato a Bruxelles, cui tutte le parti coinvolte nell'iniziativa sono convenute per firmare un memorandum d'intesa. La Commissione opererà in collaborazione con diversi governi europei, l'industria turistica e le grandi compagnie aeree per meglio sfruttare i posti liberi nei trasporti aerei e nelle strutture di ricezione. Le campagne turistiche si configureranno quali promozioni nazionali indirizzate ai cittadini di tutti i paesi dell’Unione europea e dell'Argentina, del Brasile e del Cile. Se sarà coronata dal successo, l'iniziativa verrà estesa ad altri mercati internazionali del turismo e a un maggior numero di turisti.

“Siamo impegnati a promuovere l'Europa quale destinazione turistica e a rafforzare la cooperazione con i Paesi che presentano notevoli potenzialità di crescita turistica – spiega Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea e responsabile per l'industria e l'imprenditoria. “I mercati sia europeo che sudamericano trarranno grande vantaggio da questa iniziativa. Sono lieto di avviare questa iniziativa pilota innovatrice che riunisce per la prima volta diversi partecipanti aventi un unico obiettivo: estendere la distribuzione stagionale del turismo e creare così nuovi posti di lavoro a tutto vantaggio dell'economia dei paesi di destinazione”.

Il memorandum d'intesa è stato sviluppato dalla Commissione in collaborazione con i governi, i rappresentanti dell'industria turistica e le grandi compagnie aeree tra cui i governi di Francia, Italia, Lituania e Spagna; vettori aerei quali Air France, Alitalia, British Airways, Iberia, Lufthansa Group e Tap Air Portugal con la possibilità di partecipazione di altre compagnie interessate; l'Associazione europea dei Tour operator (Etoa) l'Associazione delle Unioni nazionali delle agenzie e degli organizzatori di viaggi europei (Ectaa).

Aiutando le economie locali a colmare i vuoti determinati dalla bassa stagione, il progetto estende il numero di turisti potenziali di tutti i paesi dell'Unione europea e dell'Argentina, del Brasile e del Cile incoraggiandoli a trascorrere le vacanze in un altro continente. Antonio Tajani si recherà dal 9 al 13 giugno in visita ufficiale in questi paesi e, tra le altre cose, svilupperà ulteriormente il progetto con i governi di questi tre Paesi. Tale progetto dà seguito all'impegno della Commissione nella sua più recente comunicazione sul turismo (COM [2010] 352) "L'Europa, prima destinazione turistica mondiale – un nuovo quadro politico per il turismo in europeo" volta a promuovere l'Europa quale destinazione turistica e a rafforzare la cooperazione con i Paesi che presentano un notevole potenziale di crescita turistica per l'Europa. Questa iniziativa dovrebbe consentire ai cittadini di visitare più di un paese. Se questa iniziativa pilota avrà successo la Commissione intende estendere il progetto ad altre parti del mondo. Questo esperimento rafforza anche la cooperazione tra l'Europa e i paesi terzi sulla base delle radici comuni e dei comuni legami culturali, linguistici ed educativi.

Per ulteriori informazioni: http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/tourism/50k/index_en.htm.