Trivelle. Wwf:”isola norvegesi salve, ora tocca a Pantelleria”

Il nuovo governo norvegese ha annunciato che non verra' consentita la ricerca petrolifera nell'area delle isole Lofoten, Vesteralen and Senja, "un ambiente marino unico e prezioso, oltre che un

Il nuovo governo norvegese ha annunciato che non verra' consentita la ricerca petrolifera nell'area delle isole Lofoten, Vesteralen and Senja, "un ambiente marino unico e prezioso, oltre che un paesaggio mozzafiato, indimenticabile da chiunque abbia avuto la fortuna di vederlo".

Per il Wwf si tratta di un "importante precedente che mette il valore della natura prima di quello della ricerca del petrolio e che ci auguriamo sia di buon auspicio anche per l'Italia". Infatti, nell'area del Canale di Sicilia e dell'Isola di Pantelleria il Wwf sta chiedendo la creazione di un'area protetta ''oil e gas free'' attraverso la campagna e raccolta firme ''Sicilia: il Petrolio mi sta stretto'', legata al piu'' generale impegno per ridurre drasticamente la produzione e l'uso dei combustibili fossili e focalizzata sull'immenso valore naturalistico, storico e paesaggistico dell''area.

"La vittoria norvegese non e' solo una vittoria per tutti gli ambientalisti che, con il Wwf Norvegia, si battono da anni per la protezione delle Lofoten. E' prima di tutto una grande vittoria per una natura incredibile, per i merluzzi, per gli uccelli marini, per la piu' grande barriera corallina d'acqua fredda del mondo", sottolinea l''Associazione del Panda. Ed e' anche "la speranza di perpetuare questo valore per il futuro, creando posti di lavoro e favorendo la transizione verso una societa' rinnovabile al 100%", afferma Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del Wwf Italia.