Terra, ecco dove costa di più

Per chi intende fare impresa con l’agricoltura c’è un primo ostacolo con cui fare i conti: il costo della terra. Quella più cara d'Europa è in Liguria, secondo Eurostat.

Per chi intende fare impresa con l’agricoltura c’è un primo ostacolo con cui fare i conti: il costo della terra. Quella più cara d'Europa è in Liguria, secondo Eurostat. L’ufficio statistico dell’Unione europea ha riscontrato che nel 2016 un ettaro di terreno arabile nella regione del Nord-ovest italiano costava in media 108mila euro, quasi cento volte tanto il prezzo medio della regione bulgara dello Yugozapaden, la più economica dell'Ue, dove un ettaro costa in media 1.165 euro. Immaginiamo che anche a seguito di tale dato ci sia una certa differenza di prezzo dei prodotti finiti.

Parlando di Stati, invece, in Europa il record spetta ai Paesi Bassi, dove per comprare un ettaro di terreno bisogna pagare in media 63mila euro; in tutte le regioni olandesi il prezzo medio del terreno, strappato al mare nel corso dei secoli, è superiore a tutte le altre medie nazionali dell'Unione. Meno ce n’è e più costa, per una banale legge dell’economia.

L'Italia è seconda tra le nazioni Ue per il prezzo di vendita della terra, a circa 40mila euro l'ettaro. Il terreno più economico da comprare si trova in Romania, dove un ettaro costa in media 1.958 euro.