Sperimentazione di attività turistiche innovative nelle Marche

Nell'ambito del Piano regionale di Sviluppo Rurale, la Provincia di Ancona mette a disposizione 1,3 milioni di euro per cofinanziare la sperimentazione di attività turistiche innovative in 29 Comuni dell'entroterra.

Nell'ambito del Piano regionale di Sviluppo Rurale, la Provincia di Ancona mette a disposizione 1,3 milioni di euro per cofinanziare la sperimentazione di attività turistiche innovative in 29 Comuni dell'entroterra.

Per presentare i progetti i Comuni interessati avranno tempo fino al 31 gennaio 2013. In particolare i comuni interessati sono Arcevia, Barbara, Belvedere Ostrense, Castel Colonna, Castelbellino, Castelleone di Suasa, Castelplanio, Cerreto d'Esi, Corinaldo, Cupramontana, Fabriano, Filottrano, Genga, Maiolati Spontini, Mergo, Monte Roberto, Montecarotto, Monterado, Ostra, Ostra Vetere, Poggio San Marcello, Rosora, San Marcello, San Paolo di Jesi, Santa Maria Nuova, Sassoferrato, Serra de' Conti, Serra San Quirico, Staffolo.

I progetti, finalizzati alla valorizzazione dell'identità delle comunità locali e al miglioramento dell'offerta turistica, riguarderanno il potenziamento della rete dei punti di informazione e accoglienza turistica (Iat), la creazione o potenziamento di percorsi turistici, il miglioramento della cartellonistica e la realizzazione di sentieri ed aree di sosta.

Ciascun comune può usufruire di un contributo compreso tra il 30% e il 60% del costo totale del progetto presentato, fino ad un massimo di 90 mila euro."L'obiettivo – spiega il commissario straordinario della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande – è costruire nuove opportunità di reddito e lavoro legate allo sviluppo del turismo rurale. Le risorse stanziate dal bando mirano a potenziare queste linee guida, incentivando la realizzazione di servizi e strutture in grado di migliorare sensibilmente l'attrattività delle zone indicate".