Sardegna, indennizzi per aziende alluvionate

CAGLIARI – La giunta regionale della Sardegna ha approvato diversi interventi a favore dell’agricoltura. Su proposta dell’assessore Mariano Contu, l’organo amministrativo ha dato il via libera alla proroga fino al 31 maggio della scadenza per aderire ad una Organizzazione Produttori o a una società cooperativa da parte delle aziende agro-pastorali beneficiarie degli aiuti “de minimis”; a indennizzi integrativi per le aziende agricole danneggiate dalle alluvioni dell’autunno 2008 e a interventi sui consorzi di bonifica.
“Soprattutto le prime due delibere – commenta l’assessore Contu – vengono incontro alle esigenze del mondo agricolo: nel primo caso a favore dei produttori del settore ovi-caprino, che ora avranno più tempo per dare vita ad aggregazioni nel comparto, e nel secondo per quelle imprese le cui produzioni erano state seriamente colpite dall’alluvione 2008”.
La prima delibera raccoglie le richieste dei produttori del comparto ovi-caprino beneficiari degli aiuti regionali per aderire a processi di aggregazione dell’offerta e alla griglia di qualità del latte. La prima scadenza era stata fissata il 31 marzo, ma per perfezionare gli impegni dei produttori all’adesione ad una Organizzazione Produttori o ad una cooperativa, l’esecutivo ha deciso di concedere altri due mesi di tempo, con il termine fissato al prossimo 31 maggio.
Con la seconda delibera la Regione ha deciso di destinare i 3 milioni 640mila euro del Fondo di solidarietà nazionale 2010, riservati alla Sardegna, al sostegno delle imprese agricole danneggiate dalle piogge alluvionali di ottobre e novembre 2008, integrando le precedenti risorse regionali già stanziate.
Le ultime due delibere riguardano i consorzi di bonifica.
La prima dà il via libera all’erogazione di una anticipazione del 70% dei 2,5 milioni di euro già stanziati dall’esecutivo regionale nel dicembre scorso. Questa prima parte è utile per coprire le spese, che dovranno essere certificate dai consorzi, derivanti dall’assunzione di personale avventizio.
La seconda delibera, alla luce del parere favorevole della V Commissione Agricoltura del Consiglio regionale, fa sì che diventi esecutiva la modifica dello statuto dei consorzi sull’aumento dello scoperto di tesoreria dai 3/12 agli 8/12, il che consentirà maggiori anticipazioni rispetto al passato.

(Maria Di Saverio)