Rifiuti, pecorella:”Da lavori “ecomafie” un quadro allarmante”.

"Le indagini condotte dalla Commissione parlamentare d'inchiesta sui rifiuti confermano un quadro allarmante della situazione italiana". Lo dice in una nota il presidente della Ecomafie, Gaetano Pecorella a conclusione dei lavori della Commissione bicamerale sul ciclo dei rifiuti.

"Le indagini condotte dalla Commissione parlamentare d'inchiesta sui rifiuti confermano un quadro allarmante della situazione italiana". Lo dice in una nota il presidente della Ecomafie, Gaetano Pecorella a conclusione dei lavori della Commissione bicamerale sul ciclo dei rifiuti.

"Il mancato sviluppo sull'intero territorio nazionale di una gestione industriale del ciclo dei rifiuti impedisce il decollo della differenziata e condanna a un ricorso ancora massiccio alle discariche che in alcuni casi rappresentano ferite difficilmente rimarginabili al territorio come nel caso di Bellolampo a Palermo o di Malagrotta a Roma- denuncia Pecorella- tale situazione continua inoltre a favorire l'infiltrazione della criminalita' che non puo' essere contrastata soltanto attraverso l'impegno seppure encomiabile della magistratura e delle forze dell'ordine".

E' quindi "necessaria- prosegue il presidente della Ecomafie- una cultura del governo del territorio che non puo' articolarsi attorno a soluzioni arcaiche quali appunto sono le discariche".