Quote latte, è caccia all’algoritmo

La matematica non è, mai, un'opinione.

La matematica non è, mai, un'opinione. Probabilmente sarà d'accordo anche il giudice di Roma che, nei giorni scorsi, ha ordinato ulteriori indagini su Agea a causa di un algoritmo che, considerando produttive addirittura le vacche di 82 anni (quando la vita produttiva si ferma a 8), avrebbe provocato un incremento inesistente della produzione nazionale di latte, con il conseguente superamento della quota assegnata all'Italia e il pagamento a Bruxelles di sanzioni non dovute.

Agea dal canto suo sostiene, ovviamente,  che le presunte irregolarità non sarebbero fondate. Il mondo produttivo, in coro, chiede definitiva chiarezza sulla vicenda.