Puglia: censimento degli ulivi secolari

BARI – Il Corpo forestale dello Stato, con apposita convenzione stipulata con la Regione Puglia, ha effettuato il primo rilevamento degli ulivi monumentali nei modi e nei termini indicati dall’articolo 4 della legge regionale numero 14 del 4 giugno 2007.

Il rilevamento ha interessato tutte le province della Puglia e solo alcuni Comuni, con la stessa metodologia ma con scelte ed interessi differenziati. Nelle province di Bari, Brindisi e Taranto sono stati rilevati gli ulivi in luoghi di particolare interesse storico culturale. Tutti gli esemplari sono stati monitorati per forma e portamento. I rilievi sono stati effettuati con Gps speditivi, e, con l’ausilio dei sistemi informatici in uso presso il Corpo forestale dello Stato si è provveduto ad inserire tali dati in un fascicolo oggetto on line appositamente strutturato per tale servizio.

Il risultato finale è uno shape file contenente tutti gli attributi alfanumerici richiesti per tale rilevamento come:

a) univoca localizzazione;

b) proprietà;

c) dimensione e numero delle piante;

d) caratteristiche monumentali, paesaggistico–ambientali, storico-culturali, tipologie colturali.

Il Corpo forestale dello Stato, tramite i reparti distribuiti capillarmente sul territorio e coadiuvati dai comandi provinciali, con la supervisione del comando regionale ha rilevato ben 13.049 alberi di ulivo monumentali, distribuiti sul territorio come dalle tabelle di sintesi che seguono. Le squadre di rilevamento, dotate di Gps Garmin Emap ed utilizzando la metodologia point to point, hanno monitorato gli alberi di ulivo più rappresentativi al fine della loro tutela e valorizzazione, considerati nella loro dimensione produttiva, di difesa ecologica e idrogeologica nonché elementi caratterizzanti del paesaggio regionale.