Psr, evitato il disimpegno

Esprime soddisfazione, il ministro Mario Catania.

Esprime soddisfazione, il ministro Mario Catania. Sebbene l'anno appena trascorso sarà ricordato come uno dei più sfavorevoli per l'agricoltura, per la crisi delle vendite, per l'introduzione dell'imu, per i disastrosi fenomeni atmosferici e climatici, l'agricoltura italiana è comunque riuscita in ciò che a volte le è sfuggito: evitare il disimpegno automatico dei fondi Psr e Fep, il fondo europeo per la pesca.

"Un risultato fondamentale in questo momento, perché ci consente da un lato di sostenere l’economia agricola e della pesca in una fase così delicata, dall’altro di proseguire con le carte in regola le trattative sulla riforma della Pac e del FEAMP 2014-2020 a Bruxelles”, le parole pronunziate dal ministro; che continua dicendo di essere " particolarmente soddisfatto per il lavoro compiuto in stretta cooperazione tra Ministero, Regioni, Agea e Organismi pagatori, che specialmente negli ultimi due mesi dell’anno ha consentito di imprimere una forte accelerazione all’attuazione dei Psr, grazie anche alla formazione di una task force ministeriale ad hoc”.