Prosecco, 2020 anno dei record

Vendite a gonfie vele, mercato più che soddisfatto e nuove, importanti, sfide per il 2021.

Il Prosecco doc ormai macina record su record. Cresce anche nel disgraziato 2020, giungendo a superare quota 500 milioni di bottiglie nell’arco di un anno. A renderlo noto è il consorzio di tutela.  

Si tratta di un traguardo storico per il Prosecco Doc ma chiaramente non un punto d’arrivo. Ancora parecchie, infatti, le sfide da giocare, a cominciare da quella che riguarda la segmentazione dell’offerta con una maggior caratterizzazione delle produzioni anche dal punto di vista organolettico, senza dimenticare le azioni, per migliorare il percepito della denominazione, con riguardo, in particolare, alla sostenibilità ambientale e sociale dell’intero territorio della Doc Prosecco.

Sfide che permetteranno di consolidarsi sui mercati principali, piuttosto che per accrescere i soli volumi di vendita.

La Doc Prosecco è riuscita a chiudere l’anno con un incremento del 2,8% rispetto ai volumi certificati nel 2019 che, in valori assoluti, vuol dire un incremento di poco inferiore ai 14 milioni di bottiglie.

Inoltre, il valore medio delle vendite di Prosecco Doc a scaffale è in linea con le aspettative del consumatore italiano ed internazionale: la quota di prodotto venduta a prezzi di ingresso costituisce una frazione marginale (attorno al 4%).  La tipologia rosé ha fatto registrare una produzione di 16,8 milioni di bottiglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
21 − 7 =