Piemonte: bandi per due milioni dalla Regione

TORINO – E’ stato approvato in Piemonte il Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi su prestiti denominato “Piani verdi”, per la realizzazione di investimenti materiali in agricoltura e, a partire dal 2012, per la conduzione aziendale.

TORINO – E’ stato approvato in Piemonte il Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi su prestiti denominato “Piani verdi”, per la realizzazione di investimenti materiali in agricoltura e, a partire dal 2012, per la conduzione aziendale.

Il provvedimento prevede un sistema di finanziamento per le piccole e medie imprese agricole con sede in Piemonte per investimenti fondiari, investimenti agrari e prestiti di conduzione aziendale. I “Piani verdi” voluti dalla Regione Piemonte, e in particolare dall’assessorato all’Agricoltura, prevedono una copertura finanziaria per 2 milioni di euro. Con tale somma, la Regione attiverà investimenti materiali per circa 20 milioni di euro, il finanziamento a favore delle imprese agricole è in conto interessi al 3% in pianura e al 3,5% in montagna. Saranno le province a gestire le fasi istruttorie, di accertamento avvenuto acquisto ed esecuzione delle opere. La domanda dovrà essere predisposta e presentata utilizzando i servizi on-line integrati nel sistema informativo agricolo piemontese (Siap); la copia cartacea stampata dalla procedura dovrà essere presentata (debitamente sottoscritta) al settore agricoltura della competente Provincia, all’Istituto di credito prescelto, e, se prevista la garanzia, al confidi prescelto nei termini previsti dai rispettivi bandi.

L’apertura dei bandi è prevista entro la metà di luglio. Claudio Sacchetto, assessore regionale all’Agricoltura, ha dichiarato: “L’Italia del dopoguerra si risollevò proprio grazie ai piani verdi, anche nella situazione attuale è necessario un provvedimento che ravvivi un settore in via di guarigione, ma comunque bisognoso di sostegno. Con l’approvazione della giunta di uno dei principali obiettivi che l’assessorato all’Agricoltura si era posto è stato raggiunto”.