Panettone su tutti, ma trionfano i dolci della tradizione

Alla fine, il Natale può essere visto anche come dicotomia panettone – pandoro. E a vincere è ancora il primo, 79%  a 72%. Ma in quasi la metà delle famiglie italiane (48%) c’è chi prepara in casa i dolci della tradizione locale del Natale con ricette custodite, a volte, da generazioni. Viene evidenziato da una recente indagine conoscitiva.

Alla fine, il Natale può essere visto anche come dicotomia panettone – pandoro. E a vincere è ancora il primo, 79%  a 72%. Ma in quasi la metà delle famiglie italiane (48%) c’è chi prepara in casa i dolci della tradizione locale del Natale con ricette custodite, a volte, da generazioni. Viene evidenziato da una recente indagine conoscitiva.

Da Nord a sud del Bel Paese, le specialità sono moltissime e tutte fortemente legate al territorio; ad esempio,  in Basilicata non possono mancare i calzoncelli di pasta fritta con ripieno di mandorle e zucchero oppure castagne e cioccolato, in Calabria si consuma la pitta “mpigliata” con la sua caratteristica forma a rosellina (o rosetta). In Campania è il tempo di roccocò e susamielli, mentre in Puglia troviamo le cartellate baresi, nastri di una sottile sfoglia di pasta, unita e avvolta su sé stessa sino a formare una sorta di “rosa” impregnata di vincotto tiepido o di miele, e poi ricoperte di cannella, zucchero a velo oppure mandorle. 

Ma c’è tradizione anche al nord. In Friuli torna  la gubana, una pasta dolce lievitata, con un ripieno di noci, uvetta, pinoli, zucchero, grappa, scorza grattugiata di limone, dalla caratteristica forma a chiocciola, in Emilia Romagna la spongata ripiena di miele, uva passa, noci, pinoli, cedro,  in Liguria del pandolce (impasto di farina, uvetta, zucca candita a pezzetti essenza di fiori d’arancio, pinoli, pistacchi, semi di finocchio, latte e marsala ) e in Lombardia, dove troviamo il Panun de Natal, un dolce ricco di frutta secca e molto profumato fatto con il grano saraceno e che può avere la forma di un filoncino leggermente appiattito o più raramente di una pagnotta rotonda, rigonfia al centro. Insomma, difficile non mangiare bene nel bel paese. Buon Natale a tutti.