Ogm. Precauzione e tracciabilità, la Camera approva la mozione

"Rigorosa applicazione del principio di precauzione" nei confronti degli ogm con "un regime obbligatorio di tracciabilita'" e "etichettatura a beneficio del consumatore

"Rigorosa applicazione del principio di precauzione" nei confronti degli ogm con "un regime obbligatorio di tracciabilita'" e "etichettatura a beneficio del consumatore" il tutto anche nell''ottica di "tutelare pienamente" i produttori tradizionali.

La Camera ha approvato al'unanimita' la mozione unitaria per fermare gli ogm in Italia e per l'esercizio della clausola di salvaguardia prevista dalle norme Ue. La mozione impegna il Governo "a perseguire, con tutta la necessaria energia negoziale, un radicale miglioramento della normativa comunitaria in materia di coltivazione di sementi transgeniche e di immissione in commercio di organismi geneticamente modificati".

Un "miglioramento" che si deve basare sulla "rigorosa applicazione del principio di precauzione in tutti i procedimenti di autorizzazione alla coltivazione o al commercio di eventi transgenici" e su di "un regime obbligatorio di tracciabilita'' per tutte le sementi e gli organismi geneticamente modificati idoneo a segnalarne la presenza in tutti gli stadi della filiera".

Richiesto poi "un regime di etichettatura a beneficio del consumatore finale che metta a disposizione del medesimo tutte le informazioni assicurate dal predetto regime di tracciabilita'" e la messa in campo di "regole generali idonee a tutelare pienamente, attraverso le disposizioni attuative demandate agli Stati membri, i produttori convenzionali e biologici"