Nei weekend da Ikea i cibi vengono dalle oasi del Wwf

Grazie a un accordo di collaborazione tra il Wwf e Ikea, dal 22 aprile i prodotti biologici provenienti da alcune oasi del Wwf saranno compresi nei menù disponibili presso i magazzini italiani del colosso svedese.

Grazie a un accordo di collaborazione tra il Wwf e Ikea, dal 22 aprile i prodotti biologici provenienti da alcune oasi del Wwf saranno compresi nei menù disponibili presso i magazzini italiani del colosso svedese.

Fino al mese di luglio, quindi, sarà possibile scegliere tra i menù proposti anche un piatto della linea “Terre dell’Oasi” preparato con materie prime provenienti dalle aree naturali del Wwf.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare i consumatori orientandoli verso la scelta di prodotti green, sostenibili, con un occhio di riguardo nei confronti della tutela della biodiversità e la salvaguardia del patrimonio naturale.

Il progetto nasce da una collaborazione tra Wwf e Legacoop con l’obiettivo di promuovere la tutela dell’agrodiversità e dei paesaggi agrari per mezzo di sistemi sostenibili di coltivazione (biologici innanzi tutto) e la vendita diretta dei prodotti così ottenuti, al fine di sostenere la gestione delle oasi e la realizzazione dei progetti di conservazione realizzati all’interno delle aree tutelate.

I prodotti del progetto “Terre dell’Oasi” provengono in prevalenza da cinque oasi del Wwf: la riserva regionale del Lago di Penne (Abruzzo), l’oasi Wwf della Laguna di Orbetello (Toscana), la riserva naturale regionale dl Bosco Wwf di Vanzago (Lombardia), la riserva naturale di Monte Arcosu (Sardegna) e la riserva naturale regionale delle Saline di Trapani (Sicilia).

Le aree protette forniranno verdure, formaggi, pasta di farro e sale, ingredienti di base delle pietanze che si potranno degustare presso tutti i punti vendita dell’Ikea.