Natale, con l’Immacolata via alla stagione dei mercatini

Gli italiani sentono il Natale in maniera particolare. Sette su dieci (70%) frequentano quest’anno i tradizionali mercatini di Natale che si moltiplicano nelle piazze a partire dal weekend dell’Immacolata, e che offrono opportunità di acquistare regali per sé stessi e per gli altri da mettere sotto l’albero. Dall’8 dicembre, infatti,  si moltiplicano le iniziative, dalle fiere a Milano, al Trentino fino a quelli a km zero dei produttori agricoli.

Gli italiani sentono il Natale in maniera particolare. Sette su dieci (70%) frequentano quest’anno i tradizionali mercatini di Natale che si moltiplicano nelle piazze a partire dal weekend dell’Immacolata, e che offrono opportunità di acquistare regali per sé stessi e per gli altri da mettere sotto l’albero. Dall’8 dicembre, infatti,  si moltiplicano le iniziative, dalle fiere a Milano, al Trentino fino a quelli a km zero dei produttori agricoli. Un'opportunità che unisce il relax con la possibilità di fare acquisti e novità ad originalità garantita. 

Solo il 5% non farà alcun acquisto, mentre il 50% spenderà in prodotti enogastronomici che rappresentano l’acquisto più gettonato, anche se poi si potrà scegliere anche tra decori natalizi, prodotti per la casa, oggetti artigianali, capi di abbigliamento e giocattoli. Il week end dell’Immacolata di solito conferma la spinta verso spese utili, premiando l’enogastronomia anche per l’affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola.

I mercatini agroalimentari hanno un elemento in più, che li rende attraenti; la presenza personale del produttore agricolo, che può offrire informazioni diretta sul luogo di produzione e sui metodi utilizzati.