Metro, una convenzione che compie 140 anni

Compie domani 140 anni la Convenzione del metro, che il 20 maggio 1875 stabilì le regole per fissare le unità di misura valide in tutto il mondo, ponendo così le basi del Sistema Internazionale delle Unità di misura. Un sistema di misura comune, che agevola gli scambi commerciali, la produzione industriale e fornisce alla scienza strumenti di riferimento stabili e condivisi. 

Compie domani 140 anni la Convenzione del metro, che il 20 maggio 1875 stabilì le regole per fissare le unità di misura valide in tutto il mondo, ponendo così le basi del Sistema Internazionale delle Unità di misura. Un sistema di misura comune, che agevola gli scambi commerciali, la produzione industriale e fornisce alla scienza strumenti di riferimento stabili e condivisi. 

Dal metro fisico, una barretta fatta in lega di platino e iridio, molte cose sono cambiate, e ora si misura con il tempo, come ha spiegato Massimo Inguscio, presidente dell'Istituto Nazionale per la Ricerca in Metrologia (Inrim). 

''Nel 1875 il metro era una cosa fisica – afferma – Oggi invece sappiamo a che velocità viaggia la luce, quasi 300.000 chilometri al secondo, e quindi possiamo dire con esattezza che il metro è la distanza percorsa dalla luce in 1 diviso 299792458 secondi''. Anche la misura del tempo stesso è cambiata. ''Si è passati dagli orologi meccanici – continua Inguscio – a quelli al quarzo fino a quello atomico, di cui quest'anno ricorrono i 60 anni. Con le oscillazioni dentro l'atomo, una nano-struttura naturale, è così iniziata una grande rivoluzione dando il tempo a tutti. Gli orologi di cui disponiamo oggi sono precisi al miliardesimo di miliardesimo di secondo''. 

Quello che si è fatto con il metro, si sta facendo anche con altre unità di misura, come il chilogrammo. Una grandezza fisica, attorno alla quale si sta lavorando per definire con il numero di atomi di silicio in una determinata sfera. ''In generale – prosegue Inguscio – la metrologia sta cercando di definire tutte le grandezze in base a costanti fondamentali, e sta 'mettendo ordine' in biologia, chimica, nanotecnologie, ad esempio con ricerche per standardizzare le grandezze delle nano-particelle magnetiche usate nella cura di alcuni tumori, o anche nel cibo, per una produzione efficiente dal punto di vista energetico''. 

Il 20 maggio l'Inrim ha organizzato, in occasione della Giornata della Metrologia e dell'anno internazionale della luce, una giornata dedicata alle applicazioni della luce nelle tecnologie industriali.

photo credit to inrim.it