Mete di viaggio: a Pescopennataro, in occasione del Simposium

PESCOPENNATARO (ISERNIA) – Il territorio racchiude ben due Siti di interesse comunitario (Sic), quello del Bosco della Vallazzuna e quello del Bosco degli Abeti Soprani.

PESCOPENNATARO (ISERNIA) – Il territorio racchiude ben due Siti di interesse comunitario (Sic), quello del Bosco della Vallazzuna e quello del Bosco degli Abeti Soprani.

Segno di natura montana incontaminata, lontana da fonti d’inquinamento e di alta urbanizzazione. Siamo a Pescopennataro, piccolo borgo dell’Alto Molise, bello sin dal nome. I libri assicurano che sia stato fondato in epoca normanna nel XI secolo. Tuttavia la presenza dell’uomo è attestata già intorno a 500mila anni fa dal reperimento di numerosi reperti litici, molto presenti in tutta la provincia di Isernia: nel capoluogo c’è il museo del cosiddetto “Homo aeserniensis”, cioè un sito preistorico risalente a 730mila anni fa, tra i più antichi d’Europa.

L’abitato di Pescopennataro, situato ad oltre 1.200 metri sul livello del mare, domina la valle del Sangro ed in condizioni di cielo limpido, non è difficile scorgere il mare Adriatico. Da citare il passaggio del tratturo, la millenaria via di comunicazione tra le montagne abruzzesi e molisane con la pianura foggiana per svernare le mandrie, ma anche una grande zona umida, una grotta calcarea e un’area panoramica ad oltre 1.500 metri d’altitudine, in una posizione incantevole che permette una visione da mozzare il fiato.

L’occasione per visitare Pescopennataro a luglio è offerta, tra l’altro, da due iniziative strettamente legata all’anima artigiana dell’economia locale, in quanto il borgo è noto come “paese degli scalpellini”. Durante la prima e la seconda settimana di luglio sarà inaugurato il quarto Simposium internazionale di scultura_live (5-10 luglio 2011), iniziativa che ha lo scopo di promuovere in misura sempre crescente l’attività artigianale della lavorazione della pietra, nonché una migliore valorizzazione del patrimonio storico-artistico di Pescopennataro.

Questa nuova edizione dell’evento, come del resto la precedente, vedrà la partecipazione di nove artisti, individuati e coordinati dal direttore artistico Giuseppe Colangelo, con provenienza da diverse regioni italiane e da Paesi stranieri. Il tema scelto quest’anno è “Il 150° anniversario dell’Unità d’Italia”. Le opere avranno il fine di abbellire un percorso che si districa all’interno del centro storico del paese, distrutto durante la seconda guerra mondiale. In occasione dei festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità nazionale il Comune di Pescopennataro, in collaborazione con il Laboratorio ArtiBus di Vasto, intende offrire un sentito contributo alla riflessione inevitabilmente legata a questa importante ricorrenza, meta ambita ma soprattutto auspicabile avvio di migliori prospettive di vita per il nostro amato ma problematico Paese.

A tal fine i due partners presentano l’esposizione “Fratelli d’Italia”, a cura di Daniela Madonna. I sedici artisti invitati a partecipare, provenienti da varie realtà geografiche, forniscono valide interpretazioni al tema di ricerca ispirato all’Unità. Ognuno di loro, servendosi della tecnica più congeniale, fornisce testimonianze autentiche di un’italianità che scavalca le insofferenze ed i luoghi comuni, rivelandosi invece ingegnosa, talvolta nostalgica, sempre creativa.

Questi i nomi degli espositori: Giovanni Chiarinelli, Giuseppe Colangelo, Valentina Crivelli, Antonio D’Annunzio, Gregory Di Carlo, Paolo Dongu, Marco Ercolano, Keziat, Anna Liberatore, Vanni Macchiagodena, Michele Montanaro, Bruno Parretti, Bruno Scafetta, Davide Scutece, Mariarosaria Stigliano, Simona Stivaletta. Da appuntare una data: quella di domenica 10 luglio 2011 quando, dalle ore 10, ci sarà la presentazione del nuovo allestimento del Museo della Pietra "Chiara Marinelli" a cura dell'Università degli Studi del Molise e della Soprintendenza del Molise.

A seguire l’inaugurazione presso il Museo della Pietra "Chiara Marinelli" della Mostra Fratelli D'Italia a cura di Daniela Madonna. Seguirà la conferenza stampa di presentazione del V Simposio internazionale di scultura_live presso la Sala consiliare “E. Falcione”. Il simposio avrà inizio nel pomeriggio. Nel Comune è presente anche il Parco di Pinocchio, realizzato con la pietra. Tra le iniziative previste a luglio nell’ambito dei festeggiamenti c’è la rievocazione della “Tresca”, la trebbiatura di una volta con canti e balli tipici in compagnia del gruppo di musica popolare “Terre del Sud”. L’evento del Simposio è gemellato con quello che si svolge in altri quattro centri, appartenenti a regioni diverse: Fordongianus (Oristano), Lettomanoppello (Pescara), Sant’Ippolito (Pesaro e Urbino) e Vergnacco, frazione di Reana del Rojale (Udine). Tra i cinque Comuni si sta creando una sorta di circuito, che permette uno scambio reciproco di idee e di artisti. A Pescopennataro ci si sta preparando soprattutto al 2012, quando il paese molisano avrà l’onore di donare al Vaticano l’abete natalizio che sosterà davanti al loggiato di piazza San Pietro.

Ricettività: – Ostello Montagna Amica, tel. 0865-941107, www.montagnamica.net – Le Panche, tel 0865-041350, www.lepanche.it – Abete Bianco, tel. 0865-941180, www.parcoabetebianco.com – Rio Verde, tel. 0865-941160.