Martina incontra la Gdo

Il Mipaaf riferisce che si è tenuta la riunione tra il Ministro Martina e i rappresentanti di tutte le principali sigle della Gdo che operano in Italia. Durante l'incontro sono stati affrontati i temi relativi al mercato dei prodotti agroalimentari nazionali, all'organizzazione della filiera e alla distribuzione del valore all'interno della st

Il Mipaaf riferisce che si è tenuta la riunione tra il Ministro Martina e i rappresentanti di tutte le principali sigle della Gdo che operano in Italia. Durante l'incontro sono stati affrontati i temi relativi al mercato dei prodotti agroalimentari nazionali, all'organizzazione della filiera e alla distribuzione del valore all'interno della stessa. Il Ministro ha presentato i primi quattro punti di lavoro ampiamente condivisi da tutti i soggetti al tavolo. In particolare: 

-Operazione straordinaria di promozione dei prodotti di qualità Dop e Igp nazionali con azioni dedicate nei negozi della Distribuzione organizzata, abbinata a una campagna di educazione alimentare e di promozione verso i consumatori. 

-Investimento nella Rete del lavoro agricolo di qualità, la cui cabina di regia si è insediata ieri presso l'Inps, come strumento di contrasto al lavoro nero e per la certificazione etica dei produttori fornitori della Gdo in ottica di semplificazione.

-Sostegno all'export con piattaforme logistico distributive all'estero per accrescere il mercato dei prodotti italiani a livello internazionale.

-Maggiore coordinamento su alcune filiere a partire da quella lattiero casearia dove anche un intervento della distribuzione può contribuire nella gestione del delicato passaggio di fine del regime delle quote. In particolare c'è stata adesione alla proposta del Ministero di garantire al consumatore una maggiore trasparenza sull'origine del latte, attraverso un segno chiaro e omogeneo per l'indicazione della zona di mungitura in etichetta.

Al termine, Martina lascia trapelare una certa soddisfazione; "È stato un incontro proficuo. La grande distribuzione può svolgere un ruolo determinante nel rilancio del comparto agroalimentare. Sono soddisfatto in particolare per la convergenza sulla nostra proposta di dare un'informazione chiara e trasparente al consumatore in merito alla zona di mungitura del latte, evidenziando l'origine del prodotto e dando così uno strumento di maggiore competitività alle aziende. Anche sul fronte dei prodotti Dop e Igp iniziamo un lavoro di valorizzazione per aprire nuovi spazi e per promuovere meglio i marchi di qualità riconosciuta. Sono convinto, poi, che la nostra Rete del lavoro agricolo di qualità potrà contribuire a dare un metro certo e riconosciuto dallo Stato per la certificazione etica delle aziende, sgravando da questo compito le imprese della distribuzione".

 

photo credit to welfarecredit.it