Mare. Guida blu 2013: un Tirreno a 5 vele

Quindici splendidi territori che coniugano con successo buon turismo e qualita' ambientale.

Quindici splendidi territori che coniugano con successo buon turismo e qualita' ambientale. Sono le localita' balneari italiane di Sardegna, Puglia, Toscana, Sicilia, Basilicata, Campania e Liguria, che conquistano le 5 vele della Guida Blu 2013 di Legambiente e Touring Club Italiano, e che sono esempi nel settore dell'ecoturismo in grado di far conoscere la forza e la bellezza dei territori italiani riuscendo a rilanciare l'economia locale.

Quest'anno a guidare la classifica delle localita' balneari premiate con le 5 vele e' Posada (Nu), la cittadina sarda e' la regina dell'estate 2013, seguita da Santa Marina Salina (Me) e Pollica (Sa) rispettivamente al secondo e al terzo posto.

Tra le new entry del 2013 Vernazza (Sp) al 12esimo posto, Otranto (Le) tredicesima e Nardo' (Le) che chiude la classifica delle migliori localita'. La classifica e' stata presentata a Roma, presso la sede nazionale di Legambiente, tra gli altri dal direttore generale Rossella Muroni, il responsabile Turismo Legambiente Angelo Gentili, il presidente del Touring Club italiano Franco Iseppi e il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri.

"Cresce la qualita' ambientale delle localita' e questo dimostra che paga anche da un punto di vista del turismo e dell'economia- commenta Muroni- le localita' che investono su sostenibilita' e che sono presenti sulla Guida Blu sono localita' che hanno alberghi che puntano sul risparmio idrico ed energetico e soprattutto che preservano le loro coste".

La Guida Blu accontenta anche gli amanti dell'acqua dolce: delle 75 localita' segnalate 6 hanno meritato le 5 vele. Capolista in questo caso e' Tuoro sul Trasimeno (Pg), sull'omonimo lago.