Libri le neuroscienze con “Buon sangue non mente”

Come diventiamo ciò che siamo? E che cosa ci differenzia dagli altri? Il famoso neuroscienziato Kevin J. Mitchell è andato alla ricerca delle origini più profonde di quell’insieme di capacità o tendenze comportamentali che sono tipiche della nostra specie e che ci distinguono individualmente.

Come diventiamo ciò che siamo? E che cosa ci differenzia dagli altri? Il famoso neuroscienziato Kevin J. Mitchell è andato alla ricerca delle origini più profonde di quell’insieme di capacità o tendenze comportamentali che sono tipiche della nostra specie e che ci distinguono individualmente. Guidandoci con autorevolezza attraverso i più importanti e recenti studi – tra i quali figurano i suoi stessi pioneristici lavori – ci spiega come le variazioni nello sviluppo del nostro cervello prima della nascita influenzino in maniera determinante la nostra vita, la formazione della nostra personalità, l’intelligenza, la sessualità, fino al modo in cui percepiamo il mondo. Esiste un programma genetico, che tutti condividiamo, che ci conferisce la nostra tipica natura umana.

Analogamente il genoma contiene un programma che differenzia i cervelli di ogni singolo individuo. Mitchell ci spiega anche che il genoma non soltanto codifica una persona, ma è anche un programma per costruire un essere umano i cui processi di sviluppo contengono una buona dose di casualità e si manifestano in modo univoco in ogni persona, tanto che possono essere diversi persino in gemelli identici. L’idea chiave del lavoro di Mitchell è che il modo in cui il cervello delle singole persone è “cablato” dipende non solo dalla loro costituzione genetica, ma anche dall’esecuzione del programma di sviluppo.

Vuol dire che se anche la variazione di molte delle nostre caratteristiche è solo in parte genetica, non per questo la variazione restante è necessariamente di origine ambientale o attribuibile all’educazione: essa può dipendere in buona parte dallo sviluppo. Una teoria, dunque, che potrebbe gettare una luce rivoluzionaria sulla classica dicotomia genetica-ambiente. Mitchell prende inoltre in considerazione le basi genetiche di disturbi neuro evolutivi come autismo, schizofrenia, epilessia e osserva come la nostra comprensione di queste patologie potrebbe cambiare profondamente alla luce dei recenti progressi dell’analisi genetica. Infine, si sofferma sulle implicazioni sociali, etiche e filosofiche chiedendosi in che modo questa visione della diversità intrinseca delle menti e delle esperienze personali può influenzare le nostre idee sulla condizione umana. Persuasivo e assolutamente originale, questo saggio cambierà l’idea che abbiamo di noi stessi, facendoci interrogare sul come e sul perché siamo proprio le persone che siamo.

Kevin J. Mitchell è professore presso lo Smurfit Institute of Genetics e l’Institute of Neuroscience del Trinity College di Dublino. Autore di numerosi studi scientifici, ha ottenuto diversi riconoscimenti e tiene un blog molto seguito che si chiama “Wiring the Brain”. Vive a Portmarnock, in Irlanda.