La Provincia di Roma “innovativa” in protezione civile

ROMA – E’ stato presentato presso la sala Di Liegro di Palazzo Valentini dal presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, l’innovativo “Programma provinciale di previsione e prevenzione dei rischi” in ambito di protezione civile.

ROMA – E’ stato presentato presso la sala Di Liegro di Palazzo Valentini dal presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, l’innovativo “Programma provinciale di previsione e prevenzione dei rischi” in ambito di protezione civile.

lla presentazione sono intervenuti Ezio Paluzzi, assessore alla Protezione civile, Franco Gabrielli, capo del Dipartimento nazionale di protezione civile, Luca Odevaine, direttore del Servizio di polizia provinciale e protezione civile e Claudio Panella, amministratore delegato di Capitale Lavoro. Il “Programma provinciale” è incentrato su tecnologie d’avanguardia per la conoscenza e l’analisi del territorio, con finalità di riduzione dei rischi. In particolare nei piani della Provincia di Roma c’è la tecnologia WebGIS, usata per la prima volta in Italia, che rende accessibile a tutti i Comuni della Provincia, tramite internet, le informazioni sulle caratteristiche morfologiche e idrogeologiche del territorio, permettendo di organizzare gli eventuali interventi. La tecnologia WebGIS è un innovativo sistema informativo computerizzato che replica, in modo sintetico e perfetto, il mondo reale. Permette cioè l’acquisizione, la registrazione, la visualizzazione, l’analisi, la gestione e la restituzione di informazioni derivanti da dati geografici.

Accessibile a tutti tramite la Rete, consente di organizzare in modo trasparente, integrato, omogeneo e sistematico le informazioni sulle caratteristiche reali del territorio. In sostanza il sistema, messo a disposizione dei 121 Comuni della provincia di Roma e collegato agli strumenti di pianificazione presenti nel PTPG, il Piano territoriale provinciale generale, mette in grado le amministrazioni comunali di programmare interventi sul territorio sia sul piano della protezione civile (redazione del “Piano comunale”) sia su quello della gestione del territorio stesso. Grazie alla WebGIS tutti gli elementi della situazione territoriale e operativa risultano facilmente accessibili per le diverse componenti del sistema provinciale, mettendo tutte le istituzioni nella condizione di costruire veri e propri “Piani di prevenzione e previsione” e soprattutto di poter condividere tutte le informazioni, nella piena consapevolezza dei vincoli tecnici imposti dai principali strumenti urbanistici. La nuova tecnologia permette un monitoraggio dei possibili scenari di rischio, consultabile dalle sezioni di protezione civile di ogni Comune. Si tratta pertanto di uno strumento rispetto al quale riferire, in scala provinciale, le successive azioni di previsione, prevenzione e pianificazione delle emergenze. L’innovativa tecnologia è supportata da 48 livelli cartografici, che rappresentano il territorio sotto forma di fenomeni, valori, oggetti, ambienti, ecc., e da oltre 200 livelli informativi. In particolare, in ambienti WebGIS, è stata adottata una metodologia finalizzata a creare un “Quadro d’esplorazione condiviso”, il COP (Commun Operation Picture”), dove più fonti interagiscono per la visualizzazione sinottica delle diverse cartografie disponibili, contenute nell’Atlante dei rischi, con l’aggiunta di elevate funzionalità di analisi e reportistica.

Ciò per consentire la più ampia consapevolezza dello scenario reale, definito anche “Situational awareness” (“Consapevolezza del contesto”). Ma la vera novità dell’innovativa tecnologia e dei dati a supporto della pianificazione d’emergenza è nel coinvolgimento diretto dei cittadini. Questa ben strutturata “cassetta degli attrezzi”, infatti, ad uso di attività di prevenzione, previsione, programmazione e pianificazione, non limita l’uso agli “addetti ai lavori”, tecnici e amministratori locali in prima fila, ma coinvolge l’intera popolazione. La WebGIs assume, quindi, un’elevata importanza nel GOV 2.0 come piattaforma aperta e accessibile per la realizzazione di applicazioni cartografiche che – grazie al web – coinvolgono in modo partecipativo i cittadini, assicurando trasparenza nell’informazione e valorizzando le scelte politiche. La Provincia di Roma, consapevole di come la protezione civile sia uno strumento essenziale di prevenzione per la tutela dell’integrità fisica delle persone e la salvaguardia del territorio, ritiene infatti basilare incentrarla su un’idea di una comunità partecipata e solidale.

Ritiene che ad azioni efficienti di coordinamento e di soccorso durante le fasi di emergenza si uniscano proficue e corali attività di formulazione di osservazioni, di analisi, di proposte, di sollecitazioni. Ciò sia a supporto dei momenti preventivi sia di quelli decisionali. All’organicità assicurata dai moderni strumenti e dalle correlate competenze si affianca l’impegno di rendere più facile la diffusione e la fruizione dei risultati delle indagini e del monitoraggio, favorendo il puntuale aggiornamento dei piani nel tempo. Lo stimolo alla formazione di una coscienza di protezione civile nei cittadini e il sostegno alle attività di volontariato, d’intesa con gli organismi istituzionali, rappresentano, infatti, gli obiettivi primari della strategia della Provincia di Roma nei programmi e nei piani di protezione civile. Validi supporti tecnologici e una comunità preventivamente formata sulla conoscenza e sull’autoprotezione rappresentano, per la Provincia di Roma, il migliore “equipaggiamento” nel processo di prevenzione e previsione dei rischi.

Per maggiori informazioni: http://websit.provincia.roma.it.