La complessità del mercato cinese: come proporre il food “Made in Italy”

Se è vero che il mercato cinese rappresenta una notevole opportunità per i prodotti alimentari italiani, è anche vero che si tratta di una realtà complessa ed eterogenea.

Se è vero che il mercato cinese rappresenta una notevole opportunità per i prodotti alimentari italiani, è anche vero che si tratta di una realtà complessa ed eterogenea.

Come comunicare, come raggiungerlo, come lanciare e promuovere i prodotti? Esperti italiani e cinesi parteciperanno al primo workshop “China Business Incubator”, promosso da Consorzio Italia del Gusto, Ice, Gea-Consulenti di Direzione e da Fiere di Parma.

L’obiettivo è quello di illustrare come la condivisione di investimenti e risorse pregiate, assieme all’attivazione di enti istituzionali, possano fornire un sostegno concreto al processo di internazionalizzazione delle aziende italiane.

Al workshop, cui parteciperanno ad invito alcune tra le più importanti aziende alimentari italiane, interverranno, tra gli altri: la Fondazione Italia-Cina; l’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia; distributori specializzati come Metro Cina (la filiale cinese della catena distributiva tedesca), Sinodis, Ces, Goodwell, Shangai Food Staff e Corti; gli esperti di Ogilvy, Idc e Intesa San Paolo.

Rilevante anche la presenza istituzionale: oltre all’Ice, saranno presenti i tecnici dei ministeri degli Esteri e della Salute, Sace, Simest.

L’appuntamento è per mercoledì 11 e giovedì 12 luglio 2012 presso Fiere di Parma, viale delle Esposizioni 393, Sala dei 300.

Italia del Gusto” è un consorzio che comprende 39 tra le più importanti aziende italiane del settore alimentare. Intraprende attività di marketing, promozione e comunicazione nei mercati internazionali per contribuire allo sviluppo delle esportazioni per i propri membri.

Sito Internet: www.italiadelgusto.biz.