Italiani sempre più amanti dello street food

Dopo aver conquistato sostanzialmente tutta Europa, il cibo di strada è sempre più di tendenza anche nella penisola. Nei primi sei mesi del 2016 lo street food va forte tra i connazionali, quasi 2 italiani su tre lo hanno consumato per una percentuale pari al 65% del sondaggio effettuato da un’organizzazione agricola nazionale.

Dopo aver conquistato sostanzialmente tutta Europa, il cibo di strada è sempre più di tendenza anche nella penisola. Nei primi sei mesi del 2016 lo street food va forte tra i connazionali, quasi 2 italiani su tre lo hanno consumato per una percentuale pari al 65% del sondaggio effettuato da un’organizzazione agricola nazionale.

Al top degli alimenti più cercati spiccano gli arancini siciliani, la piadina romagnola, le olive ascolane, i filetti di baccalà romano, gli arrosticini abruzzesi, la polenta fritta veneta, le focacce liguri, il pesce fritto nelle diverse località marittime e gli immancabili panini ripieni con le tipiche farciture locali che vanno dai salumi ai formaggi senza dimenticare la porchetta laziale. Un grande trionfo della tradizione e delle specialità locali, quindi.

Dati alla mano il cibo della tradizione locale è preferito dall'81% per cento degli italiani, mentre il 13% sceglie quello internazionale come gli hot dog e solo il 6% i cibi etnici come il kebab, in netto calo rispetto al passato, sempre secondo l’organizzazione agricola.