Inizia in Sicilia la raccolta del “Grano della legalità”

A gestire le operazioni sarà il Consorzio sviluppo e legalità, che lo scorso mese di ottobre ha ricevuto in gestione dall’assessorato regionale siciliano all’Economia il feudo di Verbumcaudo, a Polizzi Generosa.

A gestire le operazioni sarà il Consorzio sviluppo e legalità, che lo scorso mese di ottobre ha ricevuto in gestione dall’assessorato regionale siciliano all’Economia il feudo di Verbumcaudo, a Polizzi Generosa.

Lo Stato si riappropria dunque concretamente di cio’ che Cosa Nostra aveva sottratto con la violenza e l’intimidazione. Nel corso della giornata sara’ possibile visitare l’aula didattica museale, allestita all’interno del fabbricato che fu del boss Michele Greco e in più occasioni luogo di summit di mafia.

Il feudo e’ vasto oltre 150 ettari. L’obiettivo del Consorzio Sviluppo e Legalità e’ recuperare e reimmettere i beni nel circuito dell’economia legale utilizzandoli per l’attivazione di produzioni agricole ed agroalimentari biologiche e contribuendo inoltre alla creazione di nuove opportunita’ lavorative per i giovani.

Le attività verranno svolte dalle Cooperative sociali “Lavoro e non solo”, “Placido Rizzotto Libera Terra” e “Pio La Torre Libera Terra”.

Il Feudo Verbumcaudo verrà anche utilizzato per scopi di ricerca, sperimentazione e coltura. Sara’ l’IRVOS (l’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia) ad occuparsene. Qui nascerà la prima banca della vite siciliana.