Il sud paga anche il divario digitale

Sono Molise, Basilicata e Calabria le regioni che più soffrono per il divario digitale, e cioè sulla possibilità di

Sono Molise, Basilicata e Calabria le regioni che più soffrono per il divario digitale, e cioè sulla possibilità di accesso ai sistemi informativi digitali. E’ quanto emerge dallo studio dell'Agcom nell'Osservatorio sul mercato delle tlc, relativo al secondo trimestre del 2013: Campania, Sardegna, Sicilia, Lazio, Puglia e Lombardia le regioni con minore Digital Divide “netto”; Emilia Romagna (62,6%) e Puglia (71,4%) le regioni con il maggior contributo del mobile alla riduzione del Digital Divide.

Gli Sms sono ancora in calo a vantaggio delle chat. Negli ultimi dodici mesi, la crescita degli accessi a larga banda è valutabile intorno alle 310 mila unità. Rispetto a marzo, la customer base risulta in crescita di 80 mila accessi. La quota di mercato di Telecom Italia, riducendosi su base annua dell'1,9%, scende al di sotto del 50%.

Per la larga banda mobile le sim che nel secondo trimestre dell'anno hanno effettuato traffico dati hanno superato i 32 milioni, (+20,0% rispetto al corrispondente valore del 2012). Le ''connect card'' dedicate (le chiavette) raggiungono una consistenza di circa 8,6 milioni (+24,6% rispetto al secondo trimestre 2012). Da inizio anno il traffico dati e' cresciuto del 33,0%.