Giovani, sempre di più scelgono l’istituto agrario

Cresce in Italia la voglia di agraria. Dopo l’aumento delle aziende agricole, il ritorno dei giovani alla terra, la conseguenza naturale del percorso non poteva non essere il boom di iscrizioni agli istitui professionali agrari.

Cresce in Italia la voglia di agraria. Dopo l’aumento delle aziende agricole, il ritorno dei giovani alla terra, la conseguenza naturale del percorso non poteva non essere il boom di iscrizioni agli istitui professionali agrari. L’istruzione agraria è uno dei pilastri fondamentali dell’istruzione tecnica italiana.

Ed è, oggi, uno dei settori in cui si riscontra maggiore vitalità; mentre per gli altri istituti tecnici da qualche anno il numero degli alunni iscritti rimane pressoché stabile, il numero di quelli iscritti agli istituti agrari fa registrare di anno in anno un sensibile trend di crescita.

Ma perché i ragazzi scelgono l’agrario? La cosa può essere collegata a situazioni economiche ben precise. Molti iscritti fanno parte di famiglie già titolari di un’azienda agricola, per cui abbracciando una scuola che opera nello stesso settore in cui già lavorano i genitori pensano di affrontare il problema occupazionale in modo più efficace.

L’innovazione è un'altra chiave di lettura. Un nuovo orientamento che sta contrassegnando la stessa agricoltura italiana; gli istituti agrari hanno investito molto nell’aggiornamento di docenti e tecnici. E molti di questi hanno una caratteristica che altri tipi di scuola non possono vantare: la presenza di una vera e propria azienda agraria, all’interno della quale gli studenti fanno molte esercitazioni pratiche. Insomma, il fascino della terra non tramonta mai.

photo credit to ideegreen.it