Europa, operazione vacanze sicure. I diritti dei cittadini

Consigli e raccomandazioni per andare in vacanza tranquilli prendendo coscienza dei diritti e doveri che l'Ue ha stabilito per i propri cittadini.

Consigli e raccomandazioni per andare in vacanza tranquilli prendendo coscienza dei diritti e doveri che l'Ue ha stabilito per i propri cittadini. La Commissione europea li ha pubblicati a pochi giorni dalla grande partenza per le ferie del mese di agosto.

Se si viaggia in una nazione al di fuori dell'Unione europea che non ospita un'ambasciata del proprio Paese, è importante sapere che si ha diritto all'assistenza consolare presso la rappresentanza diplomatica di qualunque altro Stato membro.

Per denunciare la scomparsa di bambini l'Unione europea mette a disposizione dei suoi cittadini un numero telefonico: il 116000. L'Ue tutela i diritti del passeggero che ha diritto al rimborso o a un itinerario alternativo in caso di annullamento o ritardo del volo o del treno e anche a rimborsi in caso di smarrimento dei bagagli, assistenza e accesso non discriminatorio per i passeggeri a mobilita' ridotta.

Inoltre, per chi usa spesso il telefono in vacanza è utile sapere che le nuove tariffe di roaming nell'Ue prevedono un massimo di 45 centesimi per megabyte piu' Iva addebitati per Kilobyte utilizzato (-36% rispetto a prima), le chiamate effettuate costano non piu' di 24 centesimi al minuto piu' Iva (-17%), quelle ricevute 7 centesimi al minuto piu' Iva (-12,5%) e gli sms 8 centesimi piu' Iva (-11%).

Chi vuole portare con se' il proprio animale domestico in viaggio in un altro Paese Ue deve provvedere a una vaccinazione antirabbica che compaia sul passaporto del quattro zampe. Se però si viaggia verso Irlanda, Finlandia, Malta o Regno Unito è necessario anche un trattamento antiparassitario. Il Centro europeo dei consumatori offre consulenze e assistenza gratuite ai cittadini e ai consumatori residenti nell'Ue che acquistano beni o servizi da un venditore con sede in un altro Stato membro.