Esenzioni Imu e valore di mercato

Nelle prossime settimane potrebbero essere decise novità per il pagamento IMU sulla prima casa. Le variazioni potrebbero essere decise in base al reddito familiare, alla dichiarazione Isee, oppure potrebbero valere i valori di mercato dell’Osservatorio sul mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate.

Nelle prossime settimane potrebbero essere decise novità per il pagamento IMU sulla prima casa. Le variazioni potrebbero essere decise in base al reddito familiare, alla dichiarazione Isee, oppure potrebbero valere i valori di mercato dell’Osservatorio sul mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate.

In base a questi valori potrebbe essere deciso chi esentare e chi dovrebbe continuare a pagare l’IMU. In attesa della riforma del catasto che prenderà in considerazione oltre ai vani anche i metri quadrati ed inoltre la zona di ubicazione dell’immobile.

Quindi riportando le case nella giusta categoria catastale di appartenenza, potrebbero essere esonerate le categoria catastali normali e rendere soggette ad imposizione le categorie più prestigiose. Ad oggi solamente A1, A8 e A9 sono escluse dalle esenzioni e rappresentano solamente lo 0,1% del patrimonio immobiliare.

Allargare questa platea ed esonerare le altre potrebbe liberare fondi da destinare al mercato del lavoro ed esentare dall’Imu le categorie catastali normali. Tutto questo poi coinciderebbe con una modifica della Tares, che probabilmente sarà rivista prima dell’entrate effettiva in vigore, per non andare in sovrapposizione con l’IMU.