Eccellenze: gli 80 anni di Lenti

Da ottant'anni e quattro generazioni la famiglia piemontese Lenti, specialista nella cottura delle carni, produce prodotti tipici del territorio, fedeli alla tradizione. Prelibatezze “buone come una volta” dove le spezie, le erbe aromatiche e una pregiata qualità di Marsala vengono selezionate e miscelate per creare blend esclusivi per aromatizzare le carni in cottura.

Da ottant'anni e quattro generazioni la famiglia piemontese Lenti, specialista nella cottura delle carni, produce prodotti tipici del territorio, fedeli alla tradizione. Prelibatezze “buone come una volta” dove le spezie, le erbe aromatiche e una pregiata qualità di Marsala vengono selezionate e miscelate per creare blend esclusivi per aromatizzare le carni in cottura. Una ricetta diversa di disosso, aromatizzazione e cottura per ogni prodotto che nasce da un’arte della lavorazione voluta dal fondatore dell’azienda Attilio Lenti. Un grande patrimonio di tradizione che si traduce nella ricetta d’eccellenza con cui Lenti prepara i suoi prosciutti cotti e le altre specialità – arrosti di suino, manzo, tacchino e pollo – secondo una filosofia del “saper fare”, che conferisce da sempre un gusto particolare ad ogni prodotto. E che si conferma essere una formula di successo riconosciuta dai tanti estimatori, attestata dalla costante crescita nel tempo anche dei risultati: il 2015 si chiude con un +5% di fatturato che si attesta ben oltre i 40 milioni di euro e con l'ultimo step del progetto di reingegnerizzazione della gamma che verrà completata nel 2016 con il lancio di una nuova linea di affettati premium.

Un’evoluzione al passo con i tempi nell'arte della lavorazione e della cottura delle carni che la famiglia Lenti, con grande savoir faire, si tramanda dal 1935 secondo la “ricetta del puro piacere”, che consiste sempre nella selezione rigorosa di materie prime di alta qualità, nella lavorazione tradizionale dei maestri salumieri Lenti, nella cottura lenta e nell'impiego di spezie pregiate secondo le ricette originali del fondatore. Senza mai aggiungere glutine, lattosio e caseinati, ingredienti ogm, polifosfati e glutammato.

Una realtà del “made in Italy” più autentico e tradizionale, oggi alla quarta generazione, rappresentata da Sara Roletto, responsabile marketing.

L’azienda torinese è attualmente guidata da Ruggero Lenti, amministratore delegato, con la presidente Giusy Lenti.

Occasione per accendere i riflettori su quest’azienda è il suo ottantesimo anniversario.

Nel programma di celebrazioni per i suoi primi ottant'anni, Lenti ha scelto una campagna dal titolo “Torino da mangiare” con la quale ricordare che il capoluogo piemontese, a tutti gli effetti una delle capitali del gusto (città natale di Eataly, sede del Salone del Gusto e Terra Madre), non è solo gianduiotti, agnolotti, grissini, ma anche un prosciutto cotto unico nato all'ombra della Mole. E per chi fa eccellenza gastronomica, oggi più che mai, essere di Torino assume dunque un significato intessuto di storia e tradizioni. Tra le attività pensate per l'ottantesimo anniversario anche il video realizzato in occasione della mostra di arte contemporanea “Art for excellence” dedicata alla valorizzazione di alcune realtà produttive piemontesi che si è tenuta a giugno a Torino con l'obiettivo di esaltare Lenti attraverso il linguaggio artistico: realizzato da Edoardo Bechis, Arianna Cioli e Gabriele Zola, tre studenti di cinema al Dams di Torino, nel motto finale recita: “800 anni di gusto per l'arte. 80 anni di Lenti”.