Dissesto idro-geologico, Ispra: 4 milioni d ettari a rischio

"In Italia ci sono circa

"In Italia ci sono circa 4 milioni di ettari di terreno agricolo e forestale in forte erosione e a rischio frane (13% del territorio nazionale): e' necessario investire subito in interventi di mitigazione con risorse consistenti, dal momento che e' ipotizzata una spesa di poco meno di 7 miliardi di euro per i prossimi 10 anni, destinata a queste aree agro-forestali a maggiore criticita'".

Questi sono alcuni dei dati emersi durante il convegno di presentazione delle 'Linee guida per la valutazione del dissesto idrogeologico e la sua mitigazione attraverso misure e interventi in campo agricolo e forestale', presentate a Roma dal ministero delle Politiche agricole e il ministero dell'Ambiente e predisposte da Agea, Ispra e Rete rurale nazionale insieme.

"Siamo il Paese europeo con la piu' elevata predisposizione al dissesto idrogeologico", dichiara Bernardo De Bernardinis, presidente dell'Ispra, ribadendo la fondamentale risorsa "che e' il suolo". Pero' per mitigare il rischio serve "usare tutte le informazioni" degli organi istituzionali "tutti insieme".

L'analisi effettuata sul territorio montano-collinare italiano, spiega l'Ispra, "ha individuato come ambiti territoriali contraddistinti da differenti tipologie di azioni per il dissesto, i seminativi-pascoli, i boschi e le aree terrazzate a colture permanenti". In particolare, sempre in 10 anni, "sono previste attivita' per piu' di 3,2 miliardi di euro per la protezione delle superfici a seminativo, 1,4 miliardi per la ricostruzione del potenziale ecologico, protettivo e produttivo dei boschi italiani e 1,6 miliardi di euro per la manutenzione e stabilizzazione del reticolo idrografico minore".

Altri "700 milioni di euro dovranno essere invece destinati agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, ripristino e ricostruzione dei terrazzamenti agricoli".