Dal 30 gennaio per la prima volta in Italia l’International wine tourism conference

Tutto pronto per la Conferenza internazionale sul turismo del vino e Workshop 2012 (Iwinect), per la prima volta in Italia grazie alla partnership tra Wine Pleasures e Movimento Turismo del Vino Italia.

Tutto pronto per la Conferenza internazionale sul turismo del vino e Workshop 2012 (Iwinect), per la prima volta in Italia grazie alla partnership tra Wine Pleasures e Movimento Turismo del Vino Italia.

Dal 30 gennaio al 2 febbraio a Perugia 300 professionisti da 40 Paesi faranno il punto su un settore che coinvolge tre milioni di italiani per i quali l’enogastronomia è il complemento più rilevante di viaggio, dopo la notorietà dei luoghi.

Un fenomeno, l’enoturismo, che ha ancora ampi margini di crescita: il comparto ha sviluppato solo il 20% del suo potenziale e secondo il Censis potrebbe arrivare a toccare 5,5 milioni di turisti nel 2011. A tracciare le tendenze e profilo dell’enoturista secondo le cantine sarà l’indagine “Il volto dell’enoturista oggi” Movimento Turismo del Vino – Centro Italiano di Studi Superiori sul Turismo che sarà presentata dalla presidente Chiara Lungarotti (1 febbraio, ore 17). Nella giornata di apertura, il 30 gennaio, partecipa il capo di Gabinetto del ministero per il Turismo e Sport, Giuseppe Greco. Tra gli interventi previsti nella conferenza, anche quello del coordinatore degli assessori regionali all’Agricoltura e assessore all’Agricoltura Regione Puglia, Dario Stefàno (31 gennaio), dell’assessore alle Politiche Agricole e Agroalimentari, Fernanda Cecchini e dell’assessore al Turismo Regione Umbria, Fabrizio Bracco (30 gennaio).

Nella tre giorni, cinque sessioni plenarie con contributi da tutto il mondo: dalle case history estere e strategie di marketing per la promozione integrata dei vini territori e loro territori (da Australia, Germania, Austria, Lussemburgo, UK, Usa) alle destinazioni enoturistiche emergenti (Georgia e Cile); dalle strade del vino straniere (Borgogna e Weinstraße tedesche) fino a quelle virtuali offerte da web 2.0, nuovi social network, app mobile e possibili applicazioni di realtà aumentata.

Riflettori puntati anche sull’Italia, con le esperienze di Puglia, Friuli-Venezia Giulia, Umbria, Sicilia e sulla zona del Franciacorta e Garda. Tra i big del vino che si confronteranno con proposte, strategie e analisi, Jane Hunt, Master of Wine dal 1985 che vanta un lungo sodalizio con l’Italia e i suoi vini (30 gennaio, ore 16), Donatella Cinelli Colombini, fondatrice del Movimento Turismo del Vino con la Strada del Vino 2.0 (1 febbraio, ore 16), Anthony Swift , presidente di Wine Pleasures e fondatore di Iwinetc (31 gennaio, ore 12).

Primo piano sulle eccellenze enologiche, con degustazioni italiane e internazionali: dal Grand Tasting “The Many Flavours of Italy” (30 gennaio, ore 17,30) con la Hunt a “Tutta Puglia” curata da MTV Puglia (31 gennaio, ore 18); dai vini croati (31 gennaio, ore 18) a quelli georgiani (1 febbraio, ore 15) per chiudere con vini dolci, liquorosi e passiti in “The sweet side of Umbria” a cura di MTV Umbria (1 febbraio, ore 18,30). Spazio anche alla gastronomia, con la serata degustazione Regione Umbria e Apt Umbria presso il Castello dell’Oscano (30 gennaio, ore 20,30), con simposi a tema Umbria e Croazia e con il pranzo a base di specialità pugliesi curato dal pluripremiato Pietro Zito dell’osteria “Antichi Sapori” di Andria (30 gennaio).

A chiusura dell’evento focus sull’offerta con il Workshop dedicato agli operatori del settore: una piattaforma per comprare e vendere pacchetti enoturistici, prodotti del turismo enogastronomico e servizi correlati, dove sono attesi quaranta tour operator. Focus inoltre sulla qualità dell’offerta enoturistica del Movimento, con gli educational tour riservati alla stampa internazionale e ai tour operator in programma da domani al 30 gennaio e dal 2 al 5 febbraio in Campania, Toscana, Marche ed Umbria.

Per informazioni: www.iwinetc.com.