Censimento agricoltura, in chiusura raccolta dati

ROMA – Censimento dell’agricoltura: ad oggi risulta acquisito il 99,4% dei questionari complessivi. Il Lazio, con il 93,8%, registra un lieve ritardo dovuto soprattutto alla città di Roma che conta oltre 20mila conduttori d’azienda da intervistare. Il fatto di doverle svolgere nel luogo di residenza del conduttore ha determinato qualche problema.

E’ già possibile constatare come il mondo agricolo abbia subìto una contrazione del numero di aziende attive pari a circa il 20% rispetto al censimento del 2000, attestandosi sugli stessi livelli stimati dall’Istat nell’indagine campionaria sulla Struttura e produzione delle aziende agricole del 2007. Sarà importante, tuttavia, attendere la diffusione dei risultati provvisori, prevista per giugno 2011, per interpretare tali dati e delineare i nuovi trend e le evoluzioni del settore. Questo censimento è stato anche il primo banco di prova dell’utilizzo del web quale alternativa alla compilazione tradizionale del questionario tramite i rilevatori.

Sono state oltre 61mila le aziende che hanno scelto di rispondere al questionario su Internet. Le regioni più virtuose in questo senso sono state la Lombardia, la Toscana, il Veneto, il Friuli-Venezia Giulia, la Liguria, l’Emilia-Romagna e il Piemonte. Per la prima volta in Italia un censimento ha fatto ricorso anche ai social network: il profilo facebook vanta oggi oltre 7mila membri che, nella fase “calda” della rilevazione, hanno ricevuto risposta in tempo reale alle domande poste. Nel complesso, il profilo ha contato quotidianamente circa 44 post e 111 commenti. Al fianco delle nuove tecnologie, fondamentale è stato il lavoro svolto dagli oltre 13mila rilevatori scesi in campo in tutta Italia. Una task force di uomini (per circa il 60%) e donne che per oltre tre mesi hanno percorso in lungo e largo tutta la penisola per intervistare l’Italia agricola. Molti giovani tra i rilevatori: la fascia d’età più rappresentata è stata, infatti, quella compresa tra i 26 e i 30 anni.

Quest’anno, per la prima volta, le operazioni di raccolta dei dati sono state realizzate dall’Istat con il supporto attivo delle Regioni e delle Province autonome che, in base ad una valutazione di fattibilità sugli aspetti organizzativi e finanziari, hanno aderito al censimento secondo un modello di partecipazione alta o integrativa. “La stretta collaborazione con le Regioni e gli enti locali, che si è tradotta in un modello più flessibile di gestione delle operazioni, è stata senza dubbio una esperienza di successo che ci auguriamo potrà essere replicata anche in futuro – spiega Andrea Mancini, capo della direzione centrale dei censimenti generali dell’Istat. “Un doveroso ringraziamento va anche a tutti i conduttori di azienda, veri protagonisti di questa rilevazione, che hanno collaborato attivamente alle operazioni consapevoli dell’importanza di questa iniziativa per l’intero comparto agricolo”. Sono ormai in partenza le fasi di controllo dei dati ed elaborazione dei risultati provvisori che saranno diffusi a giugno mediante una base informativa costituita da 28 tavole nazionali e di dettaglio regionale e provinciale relative alle principali variabili censite.