Brasile, riconosciute come ig due produzioni di popoli nativi

L’operazione può essere strumento di tutela anche delle antiche culture dei territori in questione. Storico riconoscimento all’interno delle Indicazioni Geografiche mondiali. L’Istituto Nazionale della Proprietà Industriale (Inpi) brasiliano ha riconosciuto la terra indigena Andirá-Marau come territorio di origine delle Indicazioni Geografiche (IG) Warana (guaranà nativo) e Pane Warana (bastoncino di guaranà). E’ una decisione destinata a fare epoca in quanto si […]

Leggi di più…

Bentornate castagne

Dopo qualche anno di scarsa produzione, dovuta anche all’insetto cinipide, le castagne nostrane tornano in forze ed in salute sul mercato. Sembrano superati tempi difficili in cui il cinipide galligeno del castagno (Dryocosmus kuriphilus),  proveniente dalla Cina, minava i raccolti appenninici. La produzione nazionale di castagne  quest’anno dovrebbe essere superiore ai 35 milioni di chilogrammi. […]

Leggi di più…

La giornata mondiale dell’alimentazione, la riscoperta della Dieta mediterranea

Oggi si celebra in tutto il mondo. Occasione per riflettere sui danni che l’attuale sistema alimentare sta procurando. Oggi è la Giornata Mondiale dell’Alimentazione ed il WWF lancia l’allarme sulla responsabilità del sistema alimentare sulla perdita di natura, sul cambiamento climatico e non per ultimo, sulle condizioni della salute umana.  Attualmente in Italia potremmo ridurre […]

Leggi di più…

Salento, prodotto olio laddove c’è la xylella

Grande passo avanti per l’agricoltura pugliese, avviata la produzione di un’oliva che non subisce il pericoloso batterio killer Dalla Puglia giungono notizie che hanno dell’incredibile, e per una volta in senso positivo. È appena iniziata a Casarano, in provincia di Lecce e nel Salento sud occidentale, la raccolta dai nuovi uliveti impiantati due anni fa […]

Leggi di più…

Anche l’olio lucano diventa igp

Italia sempre più leader continentale, l’olio lucano va ad aggiungersi ad altri 300 prodotti nazionali. L’Italia gioisce. Già leader continentale per numero di referenze protette (oltre 300), il record è destinato a crescere per via di quanto accaduto nelle ultime ore. La Commissione europea ha infatti dato parere favorevole alla richiesta di registrazione dell’Olio Lucano nel registro […]

Leggi di più…