Carne di cavallo, la condanna del Parlamento europeo

I deputati europei vogliono più controlli in tutta la catena alimentare, a seguito dello scandalo della carne di cavallo, e lo hanno affermato nel corso di un dibattito in seno al Comitato sulla Sicurezza Alimentare lo scorso lunedi.

I deputati europei vogliono più controlli in tutta la catena alimentare, a seguito dello scandalo della carne di cavallo, e lo hanno affermato nel corso di un dibattito in seno al Comitato sulla Sicurezza Alimentare lo scorso lunedi.

Molti membri hanno espresso preoccupazione per il livello di impegno degli Stati di applicare norme UE esistenti in materia di etichettatura e hanno invitato la Commissione europea a rafforzare i controlli. La maggior parte dei membri ritengono che la questione riguarda l’etichettatura e la tracciabilità, piuttosto che la sicurezza alimentare, anche se alcuni di loro sono preoccupati in quanto i cavalli possono essere trattati con sostanze vietate in phénilbutazone e le carni destinate al consumo umano.

"C'è una truffa enorme, ma abbiamo bisogno di calma su di esso," ha dichiarato Peter Liese (PPE, DE)."Tuttavia", ha aggiunto, "Capisco che i consumatori non vogliono essere indotti a mangiare qualcosa che non vogliono mangiare."

Gli fu consigliato di migliorare l'attuazione della legislazione esistente per rafforzare i controlli e di introdurre il test del DNA. "Quello che la maggior parte delle persone è scioccato che, dopo la crisi della BSE il sistema doveva garantire la tracciabilità", ha detto Linda McAvan (S & D, UK). Ha sottolineato che le norme in materia di etichettatura dei prodotti a base di carne era stata sostenuta dal Parlamento europeo, ma respinta dai governi europei.

Da allora, "il sistema non è riuscito. Ci sono stati diversi casi di frode", ha detto. "In termini di tracciabilità, abbiamo la legislazione più sviluppati del mondo," ha detto il direttore generale Salute e consumatori della Commissione europea, Paola Testori Coggi, aggiungendo che "la frode è stata rilevata perchè ha funzionato il sistema di tracciabilità. La Commissione ha proposto un piano per rafforzare i controlli, compresi i test del DNA sulla carne. " "Per molte persone, mangiare cavallo è inaccettabile. Immaginate se fosse carne di maiale", ha detto Chris Davis (ALDE, UK).

"La responsabilità deve spettare ai produttori di alimenti. Dove è la prova che i test sono stati effettuati dalle autorità nazionali? Idealmente, vi dovrebbero essere sanzioni a livello europeo", ha aggiunto. Carl Schlyter (Verdi / ALE, DE) ha avvertito: "concentrarsi su prezzi bassi aumenta il rischio di frode" e l'etichettatura di origine della carne consentirebbe alle imprese di costruire rapporti a lungo termine con i propri fornitori e ridurre il rischio. Inoltre, ha detto, "il rischio di sanzioni deve essere sentito da parte delle imprese." La signora Coggi ha risposto che le penali sono sotto la responsabilità degli Stati membri e l'Unione europea non ha potuto legiferare in questo settore. "Come si può impedire alle persone di essere disonesto e come dovrebbero essere punite?" chiede Ana Rosbach (ECR, DK). "Mi piacerebbe sapere da dove la mia carne proviene ", e ha aggiunto, si chiede anche una migliore etichettatura. Kartika Tamara Liotard (GUE / NGL, NL) ha chiesto alla Commissione di essere "dura con gli Stati membri che non applicano la legge", aggiungendo: "Abbiamo solo bisogno di sapere cosa c'è nel nostro cibo ".