Birra, sempre più in casa

Niente più pub, ristorante e bar. La birra oggi si consuma di più nelle mura domestiche. E’il frutto della crisi, combinata con l'aumento dei prezzi provocato dagli incrementi fiscali del 2013.

Niente più pub, ristorante e bar. La birra oggi si consuma di più nelle mura domestiche. E’il frutto della crisi, combinata con l'aumento dei prezzi provocato dagli incrementi fiscali del 2013.

A rilevarlo è l’ultima indagine di Assobirra. Nel 2013, secondo l’Associazione degli industriali della birra e del malto il Fuori Casa (On Trade) rispetto al 2012, è sceso, dal 41% al 40,3%, mentre il “casalingo” (Off Trade) è salito dal 59% al 59,7. In ogni caso, i consumi di birra degli italiani sono stabili: i 17milioni e 504mila ettolitri consumati nel 2013 hanno segnato un lievissimo aumento (+0,3%) rispetto ai 17milioni e 458mila del 2012. Il mercato non è in crisi, quindi. E gli italiani non tradiscono la "bionda". Semplicemente, se la portano a casa.