Biodiversità. Cfs-eBay.it-subito.it contro commercio illegale online

Niente piu' specie protette a rischio per il contrabbando online. Il traffico via web dei collezionisti di merci esotiche illegali sara' minuziosamente controllato.

Niente piu' specie protette a rischio per il contrabbando online. Il traffico via web dei collezionisti di merci esotiche illegali sara' minuziosamente controllato. Il Corpo forestale, da oggi in stretta collaborazione con eBay annunci e Subito.it, ha costituito, presso il servizio Cites, un gruppo di lavoro per il monitoraggio e il controllo del commercio in rete di animali e vegetali appartenenti a specie protette (animali, vivi o morti e relativi derivati, e piante in via di estinzione).

Scopo dell'attivita' svolta dalla Forestale e' quello di "tutelare da truffe via web gli inconsapevoli acquirenti o gli inserzionisti da truffatori e venditori illegali che, nell'anonimato, cercano di aggirare le regole della Cites". Questo e' il progetto presentato questa mattina durante la conferenza stampa tenutasi alla quale hanno partecipato Cesare Patrone, capo del Corpo forestale; i rappresentanti Cites, Giovanni Coviello, Ciro Lungo e Simone Cecchini; Gioia Manetti, general manager di eBay annunci; Daniele Contini, chief executive officier di Subito.it.

La necessita' di un sistema di controllo e' nata dai dati, in costante aumento, di merce illegale venduta su internet. Rispetto al 2011, i reati accertati, registrati in questo campo nell'anno successivo, sono incrementati del 18%, con un giro di affari che annualmente arriva a toccare i 100 milioni di euro. In sensibile aumento soprattutto lo smercio di rettili (+65%), avorio (+23%) e medicinali orientali (+39%), oltre che di piante cactacee, come il peyote, e copiapoa secolari.

Per questo e' stato predisposto un codice di autoregolamentazione, per i siti di e-commerce aderenti, riguardo la vendita via web di esemplari tutelati dalla normativa Cites. "Questo codice, prima esperienza a livello europeo che unisce in una collaborazione il Corpo forestale e i colossi del commercio on line- ha dichiarato Giovanni Coviello in rappresentanza del Cites- puo' rappresentare un efficace strumento per la prevenzione e repressione dei reati contro la biodiversita'".

A chiudere l'incontro, il ringraziamento di Cesare Patrone, capo del Corpo forestale nei confronti dei rappresentanti di eBay e Subito.it, definendo il loro impegno come "un messaggio di sensibilita' culturale, considerando che l'adesione al progetto potrebbe risultare economicamente sconveniente"