Benessere animale obiettivo della polizia stradale

 

 

A Siena sono stati intercettati due veicoli che trasportavano tacchini in pessime condizioni: troppo stretti, troppo numerosi, feriti e qualcuno morto. Violazioni per inidoneità del mezzo al trasporto, gabbie non regolari, pavimenti lisci.

I due conducenti hanno portato a casa 10.000 euro di multa. A Firenze è stato individuato un trasporto di vitelli maschi e femmine troppo avanti con l’età non consentito per i possibili tentavi di accoppiamento sul mezzo, in viaggio.

Prosegue la maxi operazione della Polizia Stradale iniziata a dicembre con controlli su tutta la filiera del trasporto animali per accertare eventuali episodi di maltrattamento e garantire la sicurezza alimentare. L’attività di contrasto delle irregolarità nel campo della sicurezza stradale e della tutela della libera concorrenza tra imprese da un lato ed in quello della tutela della salute e del benessere degli animali dall’altro – conclude la nota – è già stato oggetto di un protocollo d’intesa tra ministeri dell’Interno e della Salute, del 19 settembre 2011.

L’Unione Europea ha già dal 2005 tracciato  delle linee guida in materia, invitando i Paesi appartenenti ad aderire allo specifico Regolamento in cui sono definite le regole da rispettare per ridurre al minimo lo stress a cui sono sottoposti gli animali riconosciuti nel trattato di Lisbona come esseri dotati di sensi e sensibilità.