Beta version

Youth4EJ, osservatorio contro l'ingiustizia ambientale

06/04/2017 | Ambiente
Una piattaforma gratuita dedicata ai giovani di tutta Europa

Youth4EJ è un osservatorio online pensato per stimolare i giovani ad analizzare con spirito critico vicende o eventi che hanno  avuto o continuano ad avere conseguenze, impatti o danni ambientali su luoghi o comunità. Inquinamento, contaminazioni del suolo, distruzione degli ecosistemi o danni alla salute: chiunque sia a conoscenza di casi di questo tipo può raccontarli attraverso la piattaforma. E farsi portavoce di un messaggio importante: la salute dell’ambiente e delle comunità deve essere un diritto universalmente riconosciuto, in tutti gli Stati e a tutte le latitudini.

Sulla piattaforma sono già state segnalate decine di casi da molti giovani europei – dalla Slovenia alla Grecia, dall’Estonia all’Italia. Tra i più significativi, le conseguenze della pesca con la dinamite nell’Arcipelago Myeik, in Myanmar; gli scarichi di colorante nel fiume Jian a Luoyang, in Cina; fuoriuscite di gas in Alaska che mettono in pericolo la sopravvivenza dei beluga; la distruzione della foresta Toolangi in Australia, solo per fare esempi.

L’osservatorio offre un valido supporto per far conoscere casi  poco noti, ma è anche mezzo per informarsi su quanto sia grave e attuale il problema ambientale in ogni parte del mondo. La conoscenza e la diffusione è il primo passo per cambiare le cose, e Youth4EJ è lo strumento adatto per avviare un processo di consapevolezza critica e cambiamento.

Per segnalare i casi basta accedere a questo link http://youth4ej.sameworld.eu/ e cliccare sulla sezione “Report a case”. Alcuni casi verranno poi approfonditi  e condivisi su forum e social network attraverso una campagna a livello nazionale ed europeo.

Youth4EJ è un’iniziativa promossa nell’ambito del progetto SAME World (www.sameworld.eu). Finanziato dall’Unione Europea, ha lo scopo di sensibilizzare i cittadini europei, in particolare studenti e insegnanti, su temi come i cambiamenti climatici, migrazioni ambientali e giustizia ambientale, e incoraggiare l’adozione di stili di vita più sostenibili.