Beta version

Vino, vola l'export e cala il rischio finanziario delle imprese italiane

03/04/2017 | Agricoltura
Il vino buono restituisce conti in ordine, secondo Nomisma

I conti, per il vino italiano, tornano.  Record dell’export con 5,6 miliardi di euro e mercato interno senza particolari scossoni (+1% le vendite a valore nella GDO rispetto all’anno precedente): sono queste le principali evidenze del 2016 per il mercato del vino. Ciò non poteva non riflettersi in maniera positiva anche sulla rischiosità finanziaria del settore, come testimoniato dai dati di CRIF Ratings sull’andamento dei default.

I tassi di default nel settore vinicolo italiano risultano ampiamente al di sotto della media registrata per l’intera industria alimentare e delle bevande. Ciò è evidente sia con riferimento a incagli e sofferenze bancarie (meglio noto come tasso Basilea ‘past-due 90’) che per i default pubblici (procedure concorsuali o pregiudizievoli). Nel 2016 i tassi di default Basilea e pubblico del settore Wine si attestano, nell’ordine, 2,8% e 0,5%, sensibilmente inferiori a quelli del complessivo comparto del Food & Beverage, rispettivamente 3,6% e 0,7%.

Il livello di rischiosità del comparto continua a ridursi nel 2016 come testimonia il calo dei default Basilea dal 3,9% del 2015 al 2,8% del 2016, un livello molto più contenuto rispetto agli standard pre-crisi (2007-2008). Allo stesso tempo i default pubblici si sono ormai stabilizzati attorno allo 0,5% (2016 e 2015), un livello sostanzialmente allineato a quanto rilevato prima dei difficili anni di crisi economica.